Datore di lavoro che ignora diffida del dipendente – Preventivo tentativo di conciliazione presso Ispettorato del lavoro e successivo contenzioso innanzi al giudice del lavoro

Argomenti correlati:

Può un datore di lavoro non rispondere ad una lettera di diffida di un avvocato che chiede ricollocazione del lavoratore che gli venne imposta l’aspettativa non retribuita e risarcimento del danno allorché il lavoratore chiese esclusivamente l’esonero del turno di notte. Come si ci comporta in questi casi?

Se il datore di lavoro ignora la diffida del legale del lavoratore, si può esperire un tentativo di conciliazione presso l’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) e, in caso di esito infruttuoso, non c’è altra soluzione che quella di adire il giudice del lavoro.

3 Ottobre 2019 · Tullio Solinas

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Procedura di sospensione dal lavoro e presunta violazione della privacy del dipendente in merito alla comunicazione degli esiti
Dopo quasi 7 anni per motivi di salute aggravatasi proprio per il turno di notte, ho chiesto visita straordinaria dal medico competente per l'esonero del turno notturno obbligata a farlo dal datore di lavoro: dovevo ricevere l'esito della visita ma da alcune colleghe (attualmente io sono in malattia) ho saputo che sono stata sospesa per 3 mesi e non posso più fare la notte, come riferito dalla responsabile di struttura. Quindi ho scritto chiedendo spiegazioni mi è stato riferito che mi sono state inviate due mail ma io non le ho ricevute nel modo più assoluto. Mi potete cortesemente consigliare ...

Licenziamento per scarso rendimento del dipendente - Onere della prova per il datore di lavoro
Nel licenziamento per scarso rendimento del lavoratore, rientrante nel tipo di licenziamento per giustificato motivo soggettivo, il datore di lavoro, non può limitarsi a provare solo il mancato raggiungimento del risultato atteso o l'oggettiva sua esigibilità. Il datore di lavoro deve anche provare che la causa di esso derivi da colpevole e negligente inadempimento degli obblighi contrattuali da parte del lavoratore nell'espletamento della sua normale prestazione. Nella valutazione delle relative risultanze probatorie dovrà tenersi conto del grado di diligenza normalmente richiesto per la prestazione lavorativa e di quello effettivamente usato dal lavoratore, nonché dell'incidenza della organizzazione complessiva del lavoro nell'impresa ...

Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi, e ciò al fine di evitare che, in conseguenza dell'inadempimento del datore di lavoro, venga riversato sul lavoratore il pagamento delle somme arretrate, il cui livello si accresce per il tempo dell'inadempimento, assumendo proporzioni apprezzabili e direttamente proporzionali al perdurare dell'inadempimento del ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Datore di lavoro che ignora diffida del dipendente – Preventivo tentativo di conciliazione presso Ispettorato del lavoro e successivo contenzioso innanzi al giudice del lavoro