Solleciti di pagamento per cartelle esattoriali già notificate e ormai prescritte - Come posso oppormi?

In data 14 novembre 2017 ho ricevuto una cartella da "Agenzia delle entrate-Riscossione", nella quale oltre a contenere il "Preavviso di fermo amministrativo", si richiede il pagamento di due cartelle (+sanzioni ed interessi).
- La cartella relativa ad un IRPEF è relativa al 2009 e quindi non scaduta.
- La cartella emessa da un ufficio INPS in data 16/01/2017 è relativa a contributi INPS non versati per la gestione separata relativi all'anno 2009.
Per quanto riguarda INPS il credito non dovrebbe prescriversi dopo 5 anni dalla data utile per il versamento, ovvero 16/06/2010 (eventualmente anche 31/12/2010 in caso di proroga)?
Nel caso che si, che cosa devo fare per oppormi?

Da quanto scrive, si direbbe che lei abbia ricevuto un avviso di ingiunzione al pagamento di cartelle esattoriali già (in passato) correttamente notificate, con un contestuale preavviso di iscrizione di fermo amministrativo nel caso lei non ottemperasse entro i prossimi cinque giorni.

In particolare, la cartella riferita a crediti INPS, per omesso versamento del contributi dovuti alla gestione separata, è stata sicuramente preceduta da un avviso di addebito INPS prodromico (preordinato) alla successiva emissione della cartella di pagamento.

Dunque nessuna prescrizione: probabilmente le mancano alcuni passaggi, vale a dire le precedenti notifiche degli avvisi di accertamento e delle cartelle esattoriali perfezionate, quasi sicuramente, per compiuta giacenza. In altre parole, in occasione di sue temporanee assenze dal luogo di residenza.

Potrà rendersene conto accedendo agli atti presso ADER (Agenzia Entrate Riscossioni) per quel che riguarda le cartelle esattoriali e presso l'INPS per quanto attiene l'avviso di addebito.

14 novembre 2017 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

cartella esattoriale prescrizione e decadenza
prescrizione contributi inps

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mancato pagamento cartelle esattoriali – cosa è l'intimazione al pagamento o avviso di mora
Gli avvisi di intimazione (o "avvisi di mora") vengono inviati dall'Agente della Riscossione dopo che sia decorso un anno dalla notifica della cartella. In mancanza, l'Agente della Riscossione non potrebbe - decorso il detto anno - attivare le procedure esecutive. L'avviso di intimazione contiene: le generalità del destinatario dell'atto; il ...
Problemi di evasione contributiva con INPS
Avrei necessità di chiarimenti ed indicazioni su come comportarmi di fronte al problema con l'INPS che vado a descrivere. Ad Aprile del 2009 ho aperto partita Iva in qualità commerciale (Agente di Commercio) A Dicembre 2010 ho chiuso detta partita Iva Le operazioni di apertura e chiusura sono state eseguite ...
Accesso agli atti - Anche se sono trascorsi più di cinque anni dalla data di notifica, il debitore deve poter prendere visione delle cartelle esattoriali non ancora prescritte
Come previsto dalla normative vigente, il concessionario della riscossione deve conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell'avvenuta notifica o l'avviso di ricevimento ed ha l'obbligo di farne esibizione su richiesta del contribuente o dell'amministrazione. Infatti, il debitore vanta un interesse concreto ed ...
Cartelle esattoriali » A partire dal primo luglio 2017 cambiano busta e mittente
Per quanto riguarda le cartelle esattoriali, a partire dal 1 luglio 2017, con la chiusura di Equitalia, non recheranno più i colori il logo e il nome dell'agente di riscossione: cambieranno dunque, busta e mittente delle cartelle. A partire dal 1 luglio 2017, cambierà il mittente delle raccomandate che conterranno ...
Schemi decadenza e prescrizione
In generale l'avviso di accertamento può riguardare, a pena di decadenza, un addebito riferibile ad una finestra temporale ordinaria di cinque anni, che termina alla data di notifica dell'atto. Nel caso di dichiarazione omessa o infedele la finestra è di sei anni. Al 31 dicembre 2010, dunque, possono essere notificati accertamenti ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca