Reddito di Cittadinanza e Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) al lavoro – Casi di esenzione

Ho alcuni dubbi su cosa fare dopo aver ritirato carta rdc: Devo sottoscrivere in autonomia la DID oppure aspetto di essere convocato dai centri per l’impiego? In caso di sottoscrizione in autonomia, entro quanto tempo va fatto?

Ho letto che possono essere esonerati dalla dichiarazione di disponibilità al lavoro coloro che frequentano corsi di formazione: la frequenza di corsi di formazione è una decisione mia oppure spetta ai centri per l’impiego decidere?
Nel caso in cui volessi frequentare corsi di formazione, a quali posso iscrivermi? Esistono elenchi regionali? Quanto durano i corsi?

Entro 30 giorni dal riconoscimento del Reddito di cittadinanza, il beneficiario è convocato dal Centro per l’Impiego territorialmente competente o dai servizi sociali del Comune di residenza, a meno che non stia già frequentando un regolare corso di studi (articolo 4, comma 2, decreto legge 4/2019).

In base agli interessi e alle propensioni emerse nel corso del colloquio sostenuto presso il centro per l’impiego ovvero presso i servizi dei comuni, il beneficiario è tenuto ad offrire nell’ambito del Patto per il lavoro la propria disponibilità per la partecipazione a progetti utili alla collettività, in ambito culturale, sociale, artistico, ambientale, formativo e di tutela dei beni comuni, da svolgere presso il medesimo comune di residenza, mettendo a disposizione un numero di ore compatibile con le altre attività del beneficiario e comunque non inferiore al numero di otto ore settimanali, aumentabili fino ad un numero massimo di sedici ore complessive settimanali con il consenso di entrambe le parti.

Possono essere esonerati dalla sottoscrizione della Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) gli occupati a basso reddito (considerati disoccupati ai sensi dell’articolo 4, comma 15 ter del decreto legge 4/2019) nonché coloro che frequentano (già al momento del colloquio) corsi di formazione professionale.

21 Dicembre 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza - Importo di sostegno all'affitto utilizzato per fare la spesa e Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID)
Siamo una coppia di coniugi, io lavoratore dipendente con contratto a tempo determinato e mia moglie disoccupata: ai primi di maggio facemmo richiesta di reddito di cittadinanza a mio nome e, in data 21 giugno 2019, abbiamo ricevuto la card con un importo di 219 euro come sostegno all'affitto cosiddetto "Importo annuo quota B contributo affitto". Tuttavia l'importo accreditato era prelevabile al bancomat e lo abbiamo utilizzato per pagare la spesa al supermercato. Le mie domande sono: 1) I soldi ricevuti questo mese di giugno li abbiamo utilizzati per fare la spesa,e non per pagare l'affitto,(in quanto già pagato precedentemente). ...

Precisazioni sui requisiti di accesso al beneficio, la Dichiarazione di Immediata Disponibilità al lavoro (DID) ed esempi di calcolo dell'importo per Reddito di Cittadinanza e Pensione di Cittadinanza
La pensione di Cittadinanza Il Reddito di cittadinanza assume la denominazione di Pensione di cittadinanza quale misura di contrasto alla povertà delle persone anziane, concessa ai nuclei familiari composti esclusivamente da uno o più componenti di età pari o superiore ai 67 anni. Nel caso in cui il nucleo sia già beneficiario del Reddito di Cittadinanza (RDC), la Pensione di Cittadinanza (PDC) decorre, senza la necessità di presentare una nuova domanda, dal mese successivo a quello del compimento del sessantasettesimo anno del componente del nucleo più giovane, come adeguato ai sensi della normativa sull'aspettativa di vita. Dichiarazione di Immediata Disponibilità ...

Variazioni patrimonio mobiliare e Reddito di cittadinanza - Esonero dall'obbligo di Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID)
La mia è famiglia (che vive in affitto di 3 mila e 600 euro annui) è composta da: - Padre lavoratore Part-time - Madre Casalinga - Figlio minore di 3 anni Abbiamo chiesto il reddito di cittadinanza a Marzo e a partire dal Mese di Maggio ci è stata consegnata la carta del RDC con un importo di circa 280 euro (immagino per via dell'affitto). A oggi rispettiamo ancora tutti i requisiti richiesti dalla normativa (abitiamo ancora in affitto, la mia situazione lavorativa è pressoché la stessa e il patrimonio mobiliare è inferiore a 10.000 euro, niente imbarcazione e immatricolazioni ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Reddito di Cittadinanza e Dichiarazione di Immediata Disponibilità (DID) al lavoro – Casi di esenzione