Corrispondenza indirizzata al defunto e rinuncia all’eredità





Avendo rinunciato all'eredità, lei non è tenuto a preoccuparsi di eventuali comunicazioni dei creditori nei confronti del defunto.





Alla morte di mio padre, col quale convivevo, ho rinunciato all’eredità poiché aveva debiti causati dal fallimento di una società di cui era amministratore. Anche mio fratello ha rinunciato all’eredità e gli eredi dovrebbero essere i suoi figli (minori di 5 anni).

Io continuo a ricevere corrispondenza indirizzata a mio padre (riviste e comunicazioni dalla banca, dalla posta, dalle carte di credito, ecc.) ma non ho mai aperto le buste. Devo comunicare che mio padre è morto e che io ho rinunciato all’eredità? Come devo fare?

Avendo rinunciato all’eredità, lei non è tenuto a preoccuparsi di eventuali comunicazioni dei creditori nei confronti del defunto. Al massimo, può informare suo fratello i cui figli minori sono eredi del de cuius, benchè con beneficio di inventario.

7 Febbraio 2019 · Carla Benvenuto


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Corrispondenza indirizzata al defunto e rinuncia all’eredità. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.