Contributo casa di riposo per il suocero - È giusto chiedere al genero di pagare il contributo se la figlia non lavora?

Il coniuge non separato in comunione dei beni ha obblighi verso i genitori dell'altro coniuge? Nel mio caso prima della separazione mio suocero, a causa di un ictus è stato ricoverato prima in clinica e poi in casa di riposo. Mia moglie non lavorava, non aveva redditi, essendo figlia unica hanno chiesto a me di versare un contributo in base al reddito. È giusto chiedere al genero di pagare il contributo se l'altro coniuge non lavora?

Qualora il soggetto ricoverato in casa di riposo non abbia un reddito sufficiente per pagarsi la retta, il codice civile (articolo 433) stabilisce che sono chiamati a contribuire, nell'ordine, il coniuge, i figli, i nipoti, i genitori, il genero (indipendentemente dal regime patrimoniale adottato in sede di matrimonio).

Se i parenti che la precedono nell'elenco avevano la capacità di provvedere al pagamento della retta e non l'hanno fatto, lei ha compiuto una buona azione, di cui andare orgoglioso. A maggior ragione se è in atto una separazione legale.

2 ottobre 2018 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

crediti alimentari

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Al marito obbligato non basta corrispondere l'assegno di mantenimento - deve pagare anche le rate del mutuo della casa assegnata alla moglie separata
Il reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare prevede la punibilità di chiunque faccia mancare i mezzi di sussistenza ai figli minori o al coniuge, ancorché legalmente separato non per sua colpa. Tra i mezzi di sussistenza va ricompreso anche l'alloggio familiare, e quindi si rende responsabile del reato ...
Ex coniuge mangia alla caritas? » Deve provvedere comunque al mantenimento della figlia
Dopo la separazione, un ex coniuge, in seguito ad una lite con il datore di lavoro, abbandonava il posto fisso decidendo di sbarcare il lunario con lavoretti a nero, sfamandosi alla caritas ed omettendo di versare l'assegno di mantenimento alla figlia minore. Condannato penalmente. Infatti, può essere punito penalmente, in ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...
Separazione dei coniugi - i presupposti dell'assegno di mantenimento
In caso di separazione, il coniuge che non abbia adeguati redditi propri può chiedere che l'altro coniuge versi un assegno di mantenimento. Per ottenere il mantenimento è necessario che ricorrano le seguenti condizioni: il coniuge richiedente non deve avere redditi adeguati; la separazione non deve essere addebitata al coniuge richiedente; ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca