Contratto di locazione cointestato e reddito di cittadinanza


Sto stipulando un contratto di affitto con il mio ragazzo, lui lavora e io no, non facciamo parte di nessun nucleo assieme, siamo praticamente solo coinquilini: posso comunque procedere per la richiesta del reddito di cittadinanza?

Abbiamo due soggetti A e B conviventi nella medesima unità abitativa, non legati da vincoli di parentela, affinità e affettivi e cointestatari del contratto di locazione dell’unità abitativa in cui entrambi risiedono: il soggetto A intende richiedere il reddito di cittadinanza, mentre il soggetto B è un lavoratore dipendente.

Il soggetto A chiede se può procedere per la richiesta del reddito di cittadinanza: la risposta banale è certamente si, se il soggetto A ha compiuto i 26 anni e se soddisfa, come nucleo familiare costituito da egli stesso, tutti i requisiti previsti, per i beneficiari, dall’articolo 2 del decreto legge 4/2019.

Qualora ne avesse diritto, il reddito di cittadinanza del soggetto A sarà formato da una componente ad integrazione del reddito familiare, pari a 500 euro mese qualora il soggetto A non percepisca redditi di alcun tipo, ed una componente locazione, fino ad un massimo di 280 euro mese, pari ad 1/12 della metà dell’ammontare del canone annuo previsto nel contratto di locazione cointestato, registrato presso l’Agenzia delle Entrate.

20 Giugno 2022 · Genny Manfredi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?