Conto corrente: arriva la truffa sim swap - Come riconoscerla e come prevenirla

Ho letto di sfuggita su un quotidiano di una nuova truffa che permette ai criminali di svuotare i conti correnti: si chiama sim swap ed e sarebbe molto utilizzata nel nostro Paese.

Nel dettaglio, come funziona?

Come difendersi?

Negli ultimi mesi sono state centinaia le persone truffate, a cui è stato svuotato il conto corrente, con la truffa denominata sim swap: si parla addirittura di una banda di cybercriminali dedita a tale attività.

La tecnica a cui fanno riferimento questi truffatori permette di intercettare i messaggi spediti con il cellulare e quindi creare un nuovo beneficiario e dirottare l'importo oggetto della transazione economica su un altro conto, naturalmente irrintracciabile senza approfondite tecniche di indagine.

In buona sostanza i criminali riescono a intrufolarsi nel cellulare nella fase cruciale dell'autenticazione a due passaggi quando si trasferisce denaro a un nuovo beneficiario.

Sempre più istituti di credito cercano di innalzare il tasso di sicurezza con l'invio sul telefonino di un codice sempre diverso per completare una transazione con il conto corrente.

E i fatti dimostrano come anche questa tecnologia mostra punti deboli ovvero vulnerabilità nelle quali hacker ben attrezzati riescono a inserirsi portando a casa un bottino sempre variabile.

Un fenomeno, quello della sim swap» particolarmente pericoloso che potrebbe colpire chiunque.

Ma come difendersi da questa particolare truffa?

Se si smette di ricevere SMS e chiamate e non si è sicuri del perché, contattare immediatamente il proprio operatore di rete.

Non comunicare password o PIN di internet banking a nessuno perché nessuna banca lo chiede.

Non usare la stessa password per più di un account e non pubblicare le risposte a quelle domande che vengono fatte al momento della registrazione di un account in caso si dimentichi la password: i truffatori possono trovarle e usarle.

16 ottobre 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

phishing informatico e truffa online

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Conto corrente cointestato con genitore deceduto - Truffa aggravata per il figlio che dichiara all'INPS l'esistenza in vita del pensionato defunto
Commette il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, e non quello più grave di truffa, chi percepisce la pensione di pertinenza di una persona deceduta, essendo cointestatario del medesimo conto corrente su cui confluivano i ratei della pensione, ed omette di comunicare all'INPS il decesso del ...
Pensione di invalidità e truffa - limiti al sequestro preventivo
Il sequestro della pensione di invalidità e dell'indennità di accompagnamento è ammesso fino al quinto, anche nel caso di truffa La pensione di invalidità può essere sequestrata a fini di confisca solo fino al quinto, anche laddove si ipotizzi la truffa. Questo principio deriva dalla regola generale dell'ordinamento processuale, desumibile ...
Compensare debiti contributivi con false indennità corrisposte al lavoratore configura il reato di truffa
Integra il delitto di truffa la condotta del datore di lavoro che, per mezzo dell'artificio costituito dalla fittizia esposizione di somme dichiarate come corrisposte al lavoratore, induce in errore l'INPS sul diritto al conguaglio di dette somme, invero mai corrisposte, realizzando così un ingiusto profitto e non già una semplice ...
Pignoramento del conto corrente » A partire dal 1° luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni a procedere al posto di Equitalia
Come già preannunciato in articoli precedenti, in merito al pignoramento del conto corrente da parte del fisco sarà molto più facile dal prossimo 1 luglio 2017: scopriamo perché. A partire dal primo luglio 2017 sarà Agenzia Entrate Riscossioni, in caso di debiti fiscali e cartelle esattoriali non pagate, a disporre ...
Autovelox » Può rispondere di truffa la società che lo occulta
Può rispondere di truffa la società fornitrice di autovelox che ne occulta il posizionamento. Inoltre è ritenuto legittimo il sequestro della strumentazione, nonostante la regolarità della stessa. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 22158 del 23 maggio 2013, ha sancito che: Può essere perseguita ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca