Conseguenze rifiuto lavoro per Reddito di Cittadinanza – Decadenza dal beneficio o anche restituzione di quanto al momento percepito?


Sono una mamma dunque bambini (genitore naturale non convivente) non lavoratrice e abitante con mia mamma: vorrei percepire il reddito di cittadinanza ma siccome mio figlio più grandicello con 104 deve fare ancora delle cure fuori regione, sono un po’ incerta.

Volevo sapere nel caso del terzo rifiuto (perché impossibilitata) se il decreto prevede oltre l’interruzione del beneficio, anche la restituzione retroattiva dei soldi.

Lei è tenuta ad accettare almeno una di tre offerte di lavoro: in caso di rinnovo del beneficio deve essere accettata, a pena di decadenza dal beneficio, la prima offerta utile di lavoro.

E’ disposta la decadenza dal reddito di cittadinanza, limitatamente all’oggetto del quesito, quando non si non accetta almeno una di tre offerte ovvero, in caso di rinnovo del beneficio, quando non si accetta la prima offerta utile.

Decadenza vuol dire che il beneficio viene revocato, ma non è prevista la restituzione retroattiva di quanto ottenuto con il reddito di cittadinanza fino alla revoca.

27 Marzo 2019 · Annapaola Ferri



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Conseguenze rifiuto lavoro per Reddito di Cittadinanza – Decadenza dal beneficio o anche restituzione di quanto al momento percepito?