Comodato di bene immobile e rimborso spese straordinarie sostenute dal comodatario

Argomenti correlati:

Vivo da molti anni in un appartamento concessomi da un mio parente in comodato gratuito: il proprietario/comodante, nel corso degli anni, si è sempre rifiutato di pagare le spese straordinarie (esempio ristrutturazione del palazzo, rottura delle tubature dell’acqua, eccetera), costringendo me a pagarle.

Posso chiedere il rimborso al proprietario/comodante delle suddette spese da me sostenute? C’è un termine di prescrizione?

Come recita l’articolo 1803 del codice civile, il comodato è il contratto col quale una parte consegna all’altra una cosa mobile o immobile, affinché se ne serva per un tempo o per un uso determinato, con l’obbligo di restituire la stessa cosa ricevuta.

Il successivo articolo 1804 del codice specifica, poi, che il comodatario è tenuto a custodire e a conservare la cosa con la diligenza del buon padre di famiglia. Se il comodatario non adempie gli obblighi suddetti, il comodante può chiedere l’immediata restituzione del bene, oltre al risarcimento del danno.

Peraltro, i giudici della Corte di Cassazione (sentenza 4976/1997) hanno stabilito che il carattere essenzialmente gratuito del comodato non viene meno per effetto, ad esempio in relazione al godimento di un immobile, del versamento di una somma periodica, a carico del comodatario, a titolo di rimborso spese per il comodante, la cui entità lasci ragionevolmente escludere la dissimulazione di un sottostante contratto di locazione.

Concludendo, il comodatario non ha diritto alcuno al rimborso delle spese già sostenute, può essere costretto a rilasciare l’appartamento di cui beneficia in caso di violazione degli obblighi di custodia finalizzati al non deperimento del bene comodato e, volendo, se più gli piace, può ritenere che quanto versato possa essere inquadrato come rata periodica di rimborso al comodante per gli oneri che quest’ultimo dovrebbe affrontare per consentire al comodatario il godimento dell’immobile (esempio ristrutturazione del palazzo, riparazione delle tubature dell’acqua in caso di guasto, eccetera).

Qualora il comodatario ritenesse di non trarre vantaggio dallo status quo, è libero di recedere dal contratto di comodato.

20 Giugno 2019 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Nessun rimborso al comodatario per le spese sostenute al fine di conservare il bene ottenuto in comodato, se non urgenti e improcrastinabili
Il codice civile esclude il diritto del comodatario al rimborso delle spese sostenute per servirsi del bene concessogli in comodato, prevedendo un'unica eccezione per le spese straordinarie occorse per la conservazione del bene, sempreché le stesse siano state necessarie ed urgenti. Risulta implicitamente esclusa dalla norma la possibilità che possa spettare un qualche rimborso (neppure nella forma dell'indennità o dell'indennizzo) per esborsi che, ancorché abbiano determinato un miglioramento, non siano risultati necessari per far fronte ad improcrastinabili esigenze di conservazione della cosa. il comodatario che, al fine di utilizzare il bene concessogli in comodato, debba affrontare spese di manutenzione può ...

Contratto di comodato di immobile destinato ad abitazione familiare e successiva assegnazione giudiziale al coniuge non comodatario
Secondo il codice civile, il comodatario è obbligato a restituire il bene concessogli in comodato alla scadenza del termine convenuto o, in mancanza di termine, quando egli abbia cessato di servirsene in conformità per gli scopi previsti dal contratto. Quando sopravviene una urgente ed imprevista esigenza, il comodante può esigere la restituzione immediata del bene. Nel caso in cui non sia stato concordato un termine, né questo risulti desumibile dall'uso a cui il bene doveva essere destinato, invece, l'istituto viene definito come comodato precario. Quando il bene è concesso in comodato precario, il comodatario è tenuto a restituirlo appena il ...

Diritto al rimborso delle spese straordinarie per il figlio effettuate dal coniuge affidatario nel caso di mancata concertazione preventiva con il coniuge obbligato
In materia di diritto al rimborso delle spese straordinarie effettuate dal coniuge affidatario non è configurabile, a carico di quest'ultimo, un obbligo di informazione e di concertazione preventiva con il coniuge obbligato in ordine alla determinazione delle spese straordinarie (nella specie, stage e soggiorni all'estero per l'apprendimento della lingua inglese), trattandosi di decisione di maggiore interesse per il figlio e sussistendo, pertanto, a carico del coniuge non affidatario, un obbligo di rimborso qualora non abbia tempestivamente addotto validi motivi di dissenso. Ne consegue che, nel caso di mancata concertazione preventiva e di rifiuto di provvedere al rimborso della quota di ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Comodato di bene immobile e rimborso spese straordinarie sostenute dal comodatario