Come effettuare donazione di denaro di valore non modico da genitori a figlio

Argomenti correlati:

Due genitori (in comunione di beni) desiderano effettuare una donazione di denaro ad uno dei due figli (che versa in condizioni economiche precarie); tale donazione ha come scopo quello dell’estinzione anticipata di un gravoso mutuo prima-casa cointestato tra il figlio beneficiario della donazione ed il suo relativo coniuge (sposato in regime di comunione di beni).

L’altro figlio e’ single “a vita” (senza figli) ed e’ in perfettissimo e profondo legame affettivo con l’altro figlio (gemello).

E’ possibile effettuare la donazione semplicemente tramite bonifico bancario (completo di causale che specifichi lo scopo della donazione)?

Il problema è tutto endofamiliare: partendo dal presupposto, basato su esperienze di vita vissuta, che il perfettissimo e profondo legame affettivo che lega due fratelli oggi, potrebbe degenerare in un conflitto giudiziale domani.

Le liberalità attuate a mezzo di trasferimento di titoli di credito, oppure tramite assegno o bonifico bancario costituiscono donazioni dirette.

Per la validità delle donazioni dirette è richiesta la stipula di un atto pubblico fra donante e donatario, salvo che ricorra l’ipotesi di una attribuzione patrimoniale di modico valore.

La donazione diretta di valore non modico, che non sia perfezionata attraverso un atto pubblico notarile (alla presenza di due testimoni), è suscettibile di annullamento per vizio di forma su domanda giudiziale di un erede del disponente (nella fattispecie, l’altro fratello).

Peraltro, la donazione diretta di valore non modico perfezionata attraverso un atto pubblico notarile (alla presenza di due testimoni) può essere oggetto di azione giudiziale di riduzione da parte del legittimario leso (nella fattispecie, l’altro fratello) erede del disponente.

Morale della favola, il donatario non avrà mai la certezza di poter conservare indenne la donazione ricevuta.

20 Novembre 2018 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Vendere casa la cui proprietà è pervenuta in donazione - La risoluzione della donazione per mutuo consenso fra donante e donatario
Il figlio è intestatario della nostra bifamiliare a lui ceduta con Mantenimento (2013 primo appartamento) e donazione dal Fratello (2014 secondo appartamento), al solo scopo di proteggerci da banche (conseguenti due fideiussioni). Dobbiamo vendere, ed i compratori hanno chiesto annullamenti mantenimento e donazione; fratello che ha donato non vuole firmare annullamento (si è rivolto a legale, comunque al solo scopo di lucrare). Notaio dice vende tutto il figlio intestatario avvalendosi di assicurazione (a copertura di eventuale rivalsa ed a garanzia degli acquirenti). Cosa ne pensate, ovviamente si può fare, ma quale grado di rischio rimane? ...

Donazione diretta a mia figlia e indiretta a mio figlio - Conseguenze
Nel 2012 ho donato a mia figlia la prima casa in occasione del suo matrimonio: nel 2013 per correttezza ed equità, ho donato all'altro mio figlio, mediante atto di donazione indiretta, quindi senza notaio, una abitazione sempre come prima casa, al pari del valore dato a mia figlia. In questa abitazione donata ci abitiamo anche noi come genitori e ci siamo riservati l'usufrutto. Nello stesso tempo ci abita mio figlio dal giorno del suo matrimonio avvenuto nel 2011 regolato con atto di comodato d'uso gratuito a vita. Si chiede, è obbligatorio registrare l'atto di donazione? se lo registriamo ora la ...

Dove mi trovo?