Prosecuzione della trattenuta dallo stipendio presso il nuovo datore di lavoro per prestito dietro cessione del quinto non rimborsato a causa del fallimento della precedente azienda datrice di lavoro


Volevo sapere se il mio datore di lavoro avendo ricevuto una notifica da una finanziaria riguardante la mia cessione è tenuto a prelevare il quinto dello stipendio: preciso che ho cambiato ditta e la mia vecchia è fallita con tfr ancora non erogato.

La finanziaria creditrice insoddisfatta ha, molto verosimilmente, agito con il pignoramento del quinto dello stipendio del debitore verso il nuovo creditore. La procedura è legittima, oppure, più semplicemente la finanziaria creditrice ha rinotificato il contratto di cessione alla nuova azienda datrice di lavoro per ottenere il rimborso del debito residuo. Anche in tale evenienza il datore di lavoro è obbligato a trattenere le rate dallo stipendio per onorare il debito.

Per quanto attiene la liquidazione del TFR maturato in un’azienda poi fallita, deve chiedere l’intervento del Fondo di Garanzia dell’INPS per il TFR ed i crediti di lavoro.

21 Ottobre 2020 · Giorgio Martini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prosecuzione della trattenuta dallo stipendio presso il nuovo datore di lavoro per prestito dietro cessione del quinto non rimborsato a causa del fallimento della precedente azienda datrice di lavoro