Prosecuzione della trattenuta dallo stipendio presso il nuovo datore di lavoro per prestito dietro cessione del quinto non rimborsato a causa del fallimento della precedente azienda datrice di lavoro

Volevo sapere se il mio datore di lavoro avendo ricevuto una notifica da una finanziaria riguardante la mia cessione è tenuto a prelevare il quinto dello stipendio: preciso che ho cambiato ditta e la mia vecchia è fallita con tfr ancora non erogato.

La finanziaria creditrice insoddisfatta ha, molto verosimilmente, agito con il pignoramento del quinto dello stipendio del debitore verso il nuovo creditore. La procedura è legittima, oppure, più semplicemente la finanziaria creditrice ha rinotificato il contratto di cessione alla nuova azienda datrice di lavoro per ottenere il rimborso del debito residuo. Anche in tale evenienza il datore di lavoro è obbligato a trattenere le rate dallo stipendio per onorare il debito.

Per quanto attiene la liquidazione del TFR maturato in un’azienda poi fallita, deve chiedere l’intervento del Fondo di Garanzia dell’INPS per il TFR ed i crediti di lavoro.

21 Ottobre 2020 · Giorgio Martini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il datore di lavoro attuale è obbligato a continuare la trattenuta per un prestito su cessione del quinto ottenuto e non rimborsato durante un precedente impiego?
In merito a questa precedente discussione, avrei bisogno ancora di chiarimenti e quindi ripropongo il quesito, dettagliandolo con ulteriori elementi. In un precedente lavoro, assunto a tempo indeterminato, avevo 2 trattenute in busta paga (una cessione e una delega), sono stato licenziato per giusta causa e adesso una società di recupero crediti comunica al mio attuale datore di lavoro di versare queste due trattenute direttamente a loro per continuare il pagamento citando ex art. 1264 del cc e scrivendo il testo seguente: Si evidenzia che ex art. 1264 codciv, il debitore ceduto che ha conoscenza dell'avvenuta cessione non provvedesse al ...

Pagamento da parte del nuovo datore di lavoro di cessione del quinto sottoscritta durante l'impiego presso un precedente datore di lavoro
Vorrei sapere se il datore di lavoro è tenuto a pagare un debito derivante dalla richiesta di una società di recupero crediti che opera per conto di una assicurazione garante di cessione del quinto, a suo parere estinta anticipatamente con Tfr e per il quale residuo io non sono a conoscenza; e inoltre il datore di lavoro deve avvertire il dipendente che sta effettuando tale pagamento? ...

Cosa accade se il datore di lavoro non versa al creditore le trattenute prelevate dallo stipendio del debitore per il rimborso del prestito dietro cessione del quinto
Il contratto di finanziamento estinguibile mediante cessione di quote di stipendio è una tipica forma di finanziamento che consente al soggetto richiedente (il lavoratore dipendente) di disporre, in tempi brevi, delle somme di cui necessita, per poter poi restituire gli importi richiesti nel corso degli anni mediante una trattenuta mensile operata dal datore di lavoro sulla propria busta paga. Con tale meccanismo il creditore che ha erogato il prestito al lavoratore dipendente risulta garantito dal datore di lavoro terzo obbligato che, per effetto della cessione del credito a lui regolarmente notificata, è tenuto a versare al creditore cessionario quanto trattenuto. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prosecuzione della trattenuta dallo stipendio presso il nuovo datore di lavoro per prestito dietro cessione del quinto non rimborsato a causa del fallimento della precedente azienda datrice di lavoro