Mutuo ipotecario cointestato fra coniugi ed assegnazione della casa in sede di separazione – Il giudice poteva imporre la rinegoziazione?

Argomenti correlati:

Mi sono separata a giugno 2017 e il Giudice mi ha assegnato la casa familiare (di cui sono proprietaria al 50%) insieme alle mie due figlie (15 e 12 anni). Alla stipula del contratto di mutuo io ero casalinga ma il mutuo è stato cointestato, quindi ora mi ritrovo, per una grave imprecisione da parte del Giudice, che non ha specificato che ero e sono disposta ad accollarmi il pagamento dello stesso ma con l’accettazione da parte della banca della rinegoziazione della rata.

Il mutuo era stato stipulato con la banca popolare di Vicenza che è stata acquisita da Intesa Sanpaolo, quindi ho anche avuto la sfortuna di capitare nel bel mezzo di questa operazione. Ad oggi sto attendendo risposta non mi è ancora stata concessa e nel frattempo sono in arretrato di 4 rate. Ho provato a pagare la rata di ottobre 2017 ma la banca ha utilizzato i soldi per coprire gli interessi dello sconfino del fido e del c/c.

Nel provvedimento che omologa un accordo di separazione o regola la separazione fra coniugi, il giudice non può sicuramente imporre obblighi a terzi. Il mutuo è un contratto stipulato liberamente fra la banca ed i mutuatari: la rinegoziazione del contratto non può essere coattivamente imposta alla banca da un giudice, in nessun caso.

7 Marzo 2018 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinegoziazione mutuo prima casa senza spese - Quale la normativa vigente?
Sarebbe possibile conoscere gli estremi legislativi che sanciscono il divieto di applicazione di spese alle operazioni di rinegoziazione delle condizioni di un mutuo prima casa con la banca erogante? In particolare mi riferisco alla rinegoziazione della durata del mutuo e della data di addebito mensile della rata. ...

Separazione dei coniugi - le novità in materia di affidamento condiviso, assegnazione della casa familiare e assegno di mantenimento
L'affidamento condiviso dei figli minori è stato introdotto dalla legge numero 54 dell'8 febbraio 2006, pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale numero 50 del 1° marzo 2006. Tale istituto si fonda sul principio della bigenitorialità, in base al quale il figlio ha il diritto di mantenere un rapporto completo e stabile con entrambi i genitori, anche quando la famiglia attraversi una fase patologica, quale appunto quella che porta alla separazione personale dei coniugi. Per comprendere il valore della riforma, è opportuno richiamare brevemente la disciplina previgente in materia di affidamento dei figli. In particolare si deve far riferimento all'articolo 155 del Codice ...

Separazione dei coniugi - revoca dell'assegnazione della casa familiare
In materia di separazione dei coniugi, l'assegnazione della casa familiare non viene meno per il solo fatto della convivenza more uxorio o del nuovo matrimonio del coniuge assegnatario. L'articolo 155 quater, primo comma, del Codice Civile (introdotto dall'articolo 1, comma 2, della legge 8 febbraio 2006, numero 54 - Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli) prevede la revoca dell'assegnazione della casa familiare nel caso in cui l'assegnatario conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. Ci si chiede se tale revoca sia automatica in conseguenza della convivenza o del nuovo matrimionio dell'assegnatario, o se debba ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Mutuo ipotecario cointestato fra coniugi ed assegnazione della casa in sede di separazione – Il giudice poteva imporre la rinegoziazione?