Assegno bancario protestato ma pagato entro 60 giorni - Quanto tempo occorre per la cancellazione?

Un mio assegno è stato protestato per mancanza di fondi nel conto corrente: comunque, ho pagato subito l'assegno al beneficiario. Entro quanti giorni potrò essere cancellato dal bollettino dei protesti?

Com'è noto, nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista è possibile evitare la revoca di ogni autorizzazione a emettere assegni, l'iscrizione in Centrale d'Allarme Interbancaria (CAI) e l'avvio della procedura sanzionatoria amministrativa solo effettuando tempestivamente il cosiddetto pagamento tardivo che comprenda, per espressa previsione normativa, oltre al valore nominale del titolo, gli interessi, una penale prevista del 10% (articolo 3 legge assegno) e le eventuali spese per il protesto o la constatazione equivalente.

Tuttavia, la normativa vigente in materia di assegni, diversamente da quanto previsto per la cambiale ed il vaglia cambiario, non consente l'immediata cancellazione dal Registro Informatico dei Protesti dell'assegno bancario o postale a seguito del pagamento tardivo.

Infatti, il debitore protestato che abbia provveduto al pagamento tardivo dell'assegno e non abbia subito ulteriore protesto, ha diritto ad ottenere la riabilitazione, solo una volta trascorso un anno dal giorno di levata del protesto.

Ne consegue che l'assegno protestato, anche se pagato entro 60 giorni dalla data di presentazione all'incasso, deve, comunque, rimanere pubblicato, almeno, per un anno nel Registro Informatico dei protesti: decorso tale termine ci si potrà rivolgere al Presidente del Tribunale per ottenere il provvedimento di riabilitazione e presentare poi, all'Ufficio Protesti della Camera di Commercio territorialmente competente, istanza di cancellazione.

19 novembre 2017 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

pagamento tardivo assegno o in seconda presentazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

L'ordine di non pagare l'assegno ha efficacia solo dopo la scadenza del termine di presentazione
L'assegno è un titolo esecutivo: ciò significa che, se presentato all'incasso nei termini previsti dalla legge e decorrenti dalla data indicata nel modulo, deve essere pagato. Il termine di presentazione è: otto giorni, se l'assegno è pagabile nello stesso comune in cui è stato emesso; quindici giorni, se l'assegno è ...
Assegno non trasferibile pagato a soggetto diverso dal beneficiario
Come è noto, la legge assegni precisa che la banca che paga un assegno non trasferibile a persona diversa dal beneficiario risponde del pagamento. Per giurisprudenza consolidata, ove la banca girataria per incasso di assegno, munito di clausola di intrasferibilità, abbia eseguito il pagamento nei confronti di un soggetto non ...
Assegno bancario – girate e protesto
Se l'assegno bancario contiene delle girate, significa che ognuno dei giranti garantisce l'importo scritto sull'assegno, e potrà, dunque, essere chiamato a rifonderlo nel caso di mancato pagamento da parte della Banca. Il mancato pagamento dell'assegno all'atto di presentazione per l'incasso deve risultare dal protesto, ovvero da un atto pubblico (redatto ...
Riabilitazione da protesto assegno
Nell'ipotesi di emissione di assegno senza provvista, e conseguente protesto, è possibile ottenere la riabilitazione decorso un anno dalla data di levata del protesto, effettuando entro 60 giorni dalla scadenza dei termini di presentazione al pagamento dell'assegno protestato il cosiddetto pagamento tardivo che comprende, per espressa previsione normativa, oltre al ...
Assegno non trasferibile pagato dalla banca a persona diversa dal beneficiario - Il traente ha diritto alla restituzione dell'importo
La legge stabilisce (Regio Decreto numero 1736 del 1933, articolo 43) che l'assegno bancario, emesso con la clausola “non trasferibile”, non può che essere pagato al beneficiario o, a richiesta di questo, accreditato sul suo conto corrente; chi paga a persona diversa “risponde” del pagamento. Giurisprudenza ampiamente consolidata precisa che ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca