Bonus mamma domani – Quali sono i requisiti per accedere al beneficio?

Ho sentito al Tg che c’è la possibilità, per chi come me, deve ancora partorire (sono al 5o mese di gravidanza), di ricevere in anticipo il bonus mamma. Premetto che non sono nata in Italia (sono ucraina) ma sono in possesso del permesso di soggiorno da 12 anni. A quanto ammonta il bonus, e soprattutto, soddisfo i requisiti per accedere al beneficio? Posso presentare la domanda?

Quello di cui parla è il cosiddetto “bonus mamma domani”, ovvero la ricezione in anticipo della prestazione del bonus mamma, pari ad 800 euro.

L’accesso al beneficio può essere richiesto dalle donne incinte al compimento del settimo mese di gravidanza o, in caso di parto antecedente all’inizio dell’ottavo mese di gravidanza.

Il premio non concorre alla formazione del reddito complessivo IRPEF ed è concesso in un’unica soluzione.

Le interessate devono possedere la residenza in Italia e/o la cittadinanza italiana o comunitaria: le cittadine non comunitarie devono essere in possesso del permesso di soggiorno UE per lunghi periodi. Le cittadine non comunitarie, in possesso dello status di rifugiato politico, sono equiparate alle cittadine italiane.

La domanda deve essere presentata dopo il compimento del settimo mese di gravidanza (e comunque, improrogabilmente, entro un anno dal verificarsi dell’evento) all’INPS in modalità online o attraverso gli enti di patronato e gli intermediari dell’Istituto Nazionale di Previdenza sociale.

L’istanza di accesso al beneficio dovrà essere corredata da idonea documentazione medica: certificato dello stato di gravidanza in originale o in copia autentica consegnato direttamente allo sportello oppure spedito a mezzo di raccomandata o, in alternativa, numero di protocollo telematico del certificato rilasciato dal medico SSN o medico convenzionato ASL.

Dunque, per la presentazione della domanda, dovrà attendere ancora due mesi. Nel suo caso, ovvero per i cittadini stranieri provvisti di permesso di soggiorno da svariati anni, è garantita la prestazione.

8 Settembre 2017 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Reddito di cittadinanza 2019 - Quali sono i requisiti per accedere al beneficio?
Ho un figlio di ventotto anni, disoccupato da cinque, che vive con me e un'altro mio figlio, anche lui disoccupato: viviamo grazie all'assegno di mantenimento di mio marito, che ammonta a millecinquecento euro mensili. Ai miei due figli sarebbe concesso il beneficio del reddito di cittadinanza? In sostanza, quali sono i requisiti per l'accesso? ...

Bonus mamma » Scopriamo quali sono i requisiti per ottenere il premio di 800 euro
Bonus mamma finalmente al via: vi spieghiamo come è possibile ottenere il premio di 800 euro. Nel comma 353, articolo 1 della legge di bilancio per il 2017 è previsto che a decorrere dal 1 gennaio 2017 è riconosciuto un premio alla nascita o all'adozione di minore dell'importo di 800 euro. Il premio è corrisposto in un'unica soluzione su domanda della futura madre al compimento del settimo mese di gravidanza o all'atto di adozione. La Circolare 39 del 27 febbraio 2017 fornisce e disciplina i requisiti necessari per ottenere questa nuova misura, e dà indicazioni sulle corrette certificazioni da allegare ...

Bonus bebè e Bonus mamma domani - Su ricorso di alcune associazioni che tutelano i diritti degli immigrati i giudici milanesi ordinano all'INPS di incentivare anche le nascite degli extracomunitari
Con Ordinanza 6019/2017, il Tribunale di Milano ha accolto il ricorso delle associazioni APN (Avvocati Per Niente), ASGI (Associazione per gli Studi Giuridici sull'Immigrazione) e Fondazione Giulio Piccini ONLUS contro l'INPS avverso le disposizioni in materia di Bonus bebè e Bonus mamma domani, nella parte in cui è stato limitato l'accesso al beneficio economico ad alcune categorie di donne straniere e precisamente alle donne titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornante di lungo periodo, della carta di soggiorno o della carta di soggiorno permanente. Con la citata ordinanza è stato ordinato all'INPS di eliminare la condotta discriminatoria attraverso l'estensione ...

Dove mi trovo?