Bonus 200 euro per percettori di Naspi

Argomenti correlati:

Ho ricevuto il bonus una tantum da 200 euro in quanto percettore di Naspi: ho percepito l’indennità inizialmente fino ad agosto, successivamente rettificata con un debito nei miei confronti essendo stata ritenuta indebita la disoccupazione percepita in maniera ridotta in concomitanza con nuova occupazione part time.

Sono stato regolarmente in Naspi fino al 2 giugno, dal 3 è iniziato il nuovo rapporto di lavoro, e nell’estratto conto contributivo sono presenti i contributi figurativi Naspi fino al 2 giugno.

In questo caso mi sorge un dubbio: i 200 euro ricevuti mi spettano in quanto percettore di Naspi nel mese di giugno, se pur solo per 2 giorni, o mi sono stati erogati considerando il periodo durante il quale ho percepito le mensilità che mi sono state poi revocate, e quindi dovrò restituire anche il bonus insieme alla Naspi?

Requisito per l’accesso al beneficio del bonus una tantum di 200 euro, erogato d’ufficio nel mese di luglio 2022, in qualità di percettore di indennità NASpI, è l’aver avuto diritto alla prestazione dell’assegno di disoccupazione entro il 30 giugno 2022. Quindi non dovrà restituire i 200 euro.

In ogni caso, non avrebbe dovuto, comunque, restituire la prestazione all’INPS in quanto come lavoratore dipendente nel mese di giugno 2022, avrebbe avuto il medesimo diritto al bonus una tantum 200 euro.

2 Novembre 2022 · Tullio Solinas



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti