Azione esecutiva nei confronti di un ex socio accomandatario sas

Oggi il messo comunale mi ha notificato una cartella esattoriale, riguardante un mancato pagamento IVA del 2002: io non sono più socio dal 2003 e la notifica alla società è stata fatta nel 2007. Dato che si tratta di una cifra molto elevata cosa posso fare? Tenendo presente che tale società è andata in liquidazione e che il mio ex-socio accomandatario ha lasciato l'Italia. Nel caso sarebbe consigliabile e possibile aderire alla rottamazione della cartella entro il 30/04/2019?

A partire dalla cancellazione di una società di persone dal registro delle imprese, si verifica l'estinzione della società cancellata e ciò priva la società stessa della capacità giuridica e processuale, ma i soci diventano successori della società e ogni pretesa in danno della società deve essere indirizzata nei confronti dei soci.

L'ex socio di società di persona, pertanto, è responsabile per i debiti fiscali maturati prima del suo recesso e neppure l'intervenuta estinzione della compagine sociale fa venir meno la sua responsabilità per le obbligazioni pregresse.

Infine, la responsabilità del socio di società di persone è solidale ed illimitata, nel senso che il patrimonio di un socio può essere escusso senza che sia preventivamente necessario escutere gli altri soci o il patrimonio sociale (quando la società non ancora è stata cancellata dal registro imprese).

Questi i principi sanciti nella sentenza della Corte di cassazione 24322/2014.

Ciò scritto e aggiungendo che il carico debitorio ha tutti i requisiti per essere estinto con la cosiddetta rottamazione ter (decreto legge 119/2018), lei ha tutti gli elementi per poter adottare una decisione ponderata e consapevole.

21 aprile 2019 · Andrea Ricciardi

Ho ricevuto in data 19/042019 una intimazione di pagamento per una cartella esattoriale notificata alla sas nel dicembre del 2007, ma mai nessuna notifica personale riferita a tale cartella.

La cartella esattoriale notificata alla società di persone ha efficacia interruttiva della prescrizione anche nei confronti del socio accomandatario, ove intervenga entro il termine di decadenza, essendo il debito del socio accomandatario il medesimo della sas.

Poichè la notifica di una cartella esattoriale può perfezionarsi anche per compiuta giacenza presso l'ufficio postale, in seguito a temporanea assenza del destinatario e a contestuale smarrimento della cartolina di avviso giacenza, non resta altro da fare che recarsi presso la sede locale del concessionario della riscossione (Agenzia delle Entrate Riscossione) e chiedere, con accesso agli atti, copia delle relate di notifica delle comunicazioni notificate alla sua persona (o alla società prima dell'intervenuta cancellazione della stessa dal registro imprese) a partire dal 2007.

Poi, con dati certi riguardo la presunta omessa notifica e/o la conseguente eventuale intervenuta prescrizione, se lo crederà opportuno, potremmo ridiscutere la questione.

22 aprile 2019 · Ornella De Bellis

Altre discussioni simili nel forum

responsabilità patrimoniale dei soci e degli amministratori

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca