Assegno protestato: costi quietanza autenticata a seguito di pagamento tardivo

Sarei grata se potreste dare riscontro ad un quesito in merito all'ottenimento della quietanza autenticata, a seguito di pagamento tardivo, da inviare alla mia banca e necessaria ai fini della regolarizzazione dell'assegno protestato.

La cooperativa beneficiaria dell'assegno mi ha informata telefonicamente che il costo dell'autenticazione della quietanza da parte del loro notaio è una somma non meglio specificata tra i 100 e i 300 euro. Sono a conoscenza che l'art. 8 comma 3 bis della legge 106/2011 prevede la possibilità anche per i funzionari del Comune di autenticare le firme sulle quietanze liberatorie.

Considerato che le spese sono a mio carico, è possibile esigere che la cooperativa si rechi in Comune per la suddetta autentica anziché avvalersi di un notaio oppure si può rifiutare di farlo? Nel caso si rifiutasse di recarsi in Comune, è possibile chiedere successivamente il rimborso di tale spesa?

Ricordo che la compilazione e l'invio alla mia banca di questa quietanza liberatoria si è resa necessaria poiché l'unica soluzione attuabile per il pagamento propostami dalla cooperativa è stata il pagamento del dovuto tramite assegno circolare (ad esempio con il deposito vincolato non sarebbe stato necessario produrre tale liberatoria autenticata).

L'articolo 8 della legge 386/1990 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), così come modificato (ed integrato) dalla legge 106/2011, ai commi 3 e 3 bis recita testualmente:

3. La prova dell'avvenuto pagamento deve essere fornita dal traente allo stabilimento trattario o, in caso di levata del protesto o di rilascio della constatazione equivalente, al pubblico ufficiale tenuto alla presentazione del rapporto mediante quietanza del portatore con firma autenticata ovvero, in caso di pagamento a mezzo di deposito vincolato, mediante attestazione della banca comprovante il versamento dell'importo dovuto.

3 bis. L'autenticazione di cui al comma 3 del presente articolo è effettuata ai sensi dell'articolo 21, comma 2, del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. L'autenticazione deve essere rilasciata gratuitamente, tranne i previsti diritti, nella stessa data della richiesta, salvo motivato diniego.

15 dicembre 2015 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

assegno protestato
assegno scoperto
pagamento tardivo assegno o in seconda presentazione

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Iscrizione in CAI - Illegittima se il pagamento tardivo dell'assegno viene comunicato oltre i termini di legge ma prima che sia stata attivata la procedura di segnalazione
Può accadere che il pagamento tardivo di un assegno scoperto avvenga entro i 60 giorni previsti e che la comunicazione dell'avvenuta regolarizzazione (quietanza liberatoria) giunga alla banca dopo tale termine, ma prima che sia stato dato avvio alla procedura di segnalazione in CAI (Centrale Rischi Interbancaria). In tale ipotesi, è ...
Pagamento tardivo dell'assegno avvenuto nei termini ma quietanza presentata con tempestivo ritardo
Numerose precedenti decisioni dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) hanno stabilito il principio secondo cui non possono essere trattate allo stesso modo la fattispecie in cui la banca trattaria abbia trasmesso il nominativo del traente all'archivio CAI dopo aver ricevuto la prova dell'avvenuto pagamento in tempestivo ritardo e quella in cui tale ...
Pagamento tardivo dell'assegno - come evitare la revoca di autorizzazione e l'iscrizione in CAI
In caso di mancato pagamento, in tutto o in parte, di un assegno per mancanza di autorizzazione o di provvista, la banca iscrive il nominativo del traente (chi ha emesso l'assegno) nell'archivio CAI. L'iscrizione è effettuata: nel caso di mancanza di autorizzazione, entro il ventesimo giorno dalla presentazione al pagamento ...
Accordo a saldo stralcio - Come deve essere redatto il testo della quietanza liberatoria
Quando il debitore non rispetta il piano di rimborso del prestito che gli è stato erogato e successivamente raggiunge un accordo transattivo a saldo stralcio con la società di recupero cessionaria del credito, particolare cautela va riservata alle modalità con cui deve essere redatta la quietanza liberatoria. Soprattutto se si ...
La quietanza liberatoria a seguito di un accordo transattivo a saldo stralcio serve davvero ad ottenere la cancellazione dalle Centrali Rischi o ad abbreviare i tempi di permanenza?
Prima di approfondire l'argomento indicato dal titolo, occorre svolgere alcune preliminari considerazioni sui Sistemi di Informazioni Creditizie (SIC) comunemente e sinteticamente indicati come centrali rischi. In Italia operano fondamentalmente tre soggetti in ambito privato (CRIF, CTC ed Experian Cerved) e uno in ambito pubblico, la Centrale Rischi (CR) gestita da ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca