Assegno protestato: costi quietanza autenticata a seguito di pagamento tardivo

Sarei grata se potreste dare riscontro ad un quesito in merito all’ottenimento della quietanza autenticata, a seguito di pagamento tardivo, da inviare alla mia banca e necessaria ai fini della regolarizzazione dell’assegno protestato.

La cooperativa beneficiaria dell’assegno mi ha informata telefonicamente che il costo dell’autenticazione della quietanza da parte del loro notaio è una somma non meglio specificata tra i 100 e i 300 euro. Sono a conoscenza che l’art. 8 comma 3 bis della legge 106/2011 prevede la possibilità anche per i funzionari del Comune di autenticare le firme sulle quietanze liberatorie.

Considerato che le spese sono a mio carico, è possibile esigere che la cooperativa si rechi in Comune per la suddetta autentica anziché avvalersi di un notaio oppure si può rifiutare di farlo? Nel caso si rifiutasse di recarsi in Comune, è possibile chiedere successivamente il rimborso di tale spesa?

Ricordo che la compilazione e l’invio alla mia banca di questa quietanza liberatoria si è resa necessaria poiché l’unica soluzione attuabile per il pagamento propostami dalla cooperativa è stata il pagamento del dovuto tramite assegno circolare (ad esempio con il deposito vincolato non sarebbe stato necessario produrre tale liberatoria autenticata).

L’articolo 8 della legge 386/1990 (Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari), così come modificato (ed integrato) dalla legge 106/2011, ai commi 3 e 3 bis recita testualmente:

3. La prova dell’avvenuto pagamento deve essere fornita dal traente allo stabilimento trattario o, in caso di levata del protesto o di rilascio della constatazione equivalente, al pubblico ufficiale tenuto alla presentazione del rapporto mediante quietanza del portatore con firma autenticata ovvero, in caso di pagamento a mezzo di deposito vincolato, mediante attestazione della banca comprovante il versamento dell’importo dovuto.

3 bis. L’autenticazione di cui al comma 3 del presente articolo e’ effettuata ai sensi dell’articolo 21, comma 2, del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445. L’autenticazione deve essere rilasciata gratuitamente, tranne i previsti diritti, nella stessa data della richiesta, salvo motivato diniego.

15 Dicembre 2015 · Simone di Saintjust

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno scoperto - Chi beneficia della penale del 10% in caso di pagamento tardivo se traente e beneficiario sono lo stesso soggetto
In qualità di socio prestatore di una nota cooperativa a livello nazionale ho emesso un assegno di 35 mila euro al fine di effettuare un versamento sul mio libretto prestito sociale. Nel momento in cui la banca ha provato ad incassare l'assegno quest’ultimo risultava scoperto in quanto i soldi erano ancora giacenti nel conto deposito associato al mio conto corrente. Questa mia dimenticanza ha fatto si che l'assegno venisse protestato con conseguente comunicazione da parte della mia banca di preavviso di revoca degli assegni bancari. Mi sarei aspettata quanto meno una telefonata per regolarizzare l'assegno già al primo tentativo di ...

Pagamento tardivo dell'assegno avvenuto nei termini ma quietanza presentata con tempestivo ritardo
Numerose precedenti decisioni dell'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) hanno stabilito il principio secondo cui non possono essere trattate allo stesso modo la fattispecie in cui la banca trattaria abbia trasmesso il nominativo del traente all'archivio CAI dopo aver ricevuto la prova dell'avvenuto pagamento in tempestivo ritardo e quella in cui tale prova venga fornita non solo successivamente alla scadenza dei sessanta giorni, ma anche dopo la trasmissione da parte della banca trattaria, tenutavi per legge del nominativo del traente al suddetto archivio. (cfr. ex multis Collegio Roma decisione numero 1849/12). Pertanto ove venga fornita dall'interessato, sia pure oltre la scadenza dei ...

Pagamento tardivo di un assegno a vuoto - Ma dopo i sessanta giorni previsti dalla procedura
Ho ricevuto una multa per un pagamento tardivo di un assegno, non trovo la liberatoria della banca ma dai movimenti bancari si vede chiaramente che ho coperto tutti i "debiti" entro i 60 giorni. Il problema è che chi li ha ricevuti, ha fatto la dichiarazione liberatoria in ritardo e ora, oltre aver pagato subito la penale dell'importo dovuto, è arrivata una multa molto più alta. Come mi potrei difendere? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Assegno protestato: costi quietanza autenticata a seguito di pagamento tardivo