Criteri generali per la determinazione dell’assegno divorzile » Quanto incide la proprietà della casa del coniuge obbligato?

Sono in procinto, dopo solo due anni, di divorziare con mia moglie nullatenente e nulla facente, posso sapere quali sono i criteri con cui si calcola l’assegno divorzile?

Negli anni del matrimonio ho sempre lavorato e percepito uno stipendio e sono proprietario di con mia sorella di un appartamento.

L’importo dell’assegno divorzile per l’ex coniuge, secondo i nuovi criteri stabiliti dalla sentenza della Corte di cassazione 11504/2017 – che ha abbandonato il criterio di adeguamento dell’assegno divorzile al tenore di vita goduto in costanza di matrimonio – si basa essenzialmente sui redditi percepiti ed i patrimoni (mobiliari ed immobiliari) detenuti dal coniuge che richiede l’assegno, è condizionato dalle capacità e dalle chances effettive di trovare lavoro da parte di quest’ultimo, in relazione alla salute, all’età, al sesso ed al mercato del lavoro dipendente o autonomo, nonché dalla eventuale effettiva disponibilità di una casa di abitazione per il richiedente l’assegno.

Ogni caso è a sè stante, molto dipende dalla discrezionalità del giudice, e, quindi, non è possibile stabilire una percentuale di incidenza sull’assegno divorzile riguardo ad una eventuale indisponibilità della casa di abitazione per l’ex coniuge richiedente.

La cosa importante da sottolineare, comunque, è che sull’ex coniuge richiedente l’assegno divorzile grava l’onere di dover dimostrare di essersi inutilmente attivato per reperire un lavoro adeguato all’esperienza professionale eventualmente maturata e al titolo di studio conseguito.

9 Gennaio 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Al coniuge divorziato titolare di assegno divorzile spetta anche il 40% del TFR percepito dal coniuge obbligato
Il coniuge nei cui confronti sia stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio ha diritto, se non passato a nuove nozze e in quanto titolare di assegno divorzile, ad una percentuale del trattamento di fine rapporto (TFR) percepita dall'altro coniuge all'atto della cessazione del rapporto di lavoro, anche se l'indennità viene a maturare dopo la sentenza. Tale percentuale è pari al quaranta per cento del TFR totale riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro è coinciso con il matrimonio. Ai fini del calcolo della percentuale spettante al coniuge divorziato titolare di assegno ...

L'ex coniuge non ha diritto alla reversibilità se il titolare della pensione muore prima che sia stato riconosciuto l'assegno divorzile
Come sappiamo, in caso di morte dell'ex coniuge la legge riconosce al coniuge superstite, rispetto al quale è stata pronunciata sentenza di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, se non passato a nuove nozze e che sia titolare dell'assegno divorzile, il diritto alla pensione di reversibilità o ad una quota della stessa, qualora il coniuge defunto dopo lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio avesse contratto un nuovo matrimonio. Tuttavia, le norme vigenti indicano come condizione necessaria, per poter esercitare il diritto alla pensione di reversibilità, l'avvenuto riconoscimento dell'assegno divorzile da parte del Tribunale. ...

Omesso versamento assegno divorzile all'ex coniuge » Conseguenze quando l'obbligato è un pensionato INPS
Volevo chiedere come devo fare per farmi pignorare nella misura di un quinto direttamente dall'INPS essendo un pensionato ex INPDAP, l'assegno divorzile che devo all'ex coniuge di 500 euro (credo che il termine giusto sia verso terzi). Faccio presente che da 25 anni ho sempre versato il tutto puntualmente, ma siccome ho un decreto ingiuntivo della mia banca, non vorrei che questi mi pignorassero il quinto della mia pensione, e non avere più la disponibilità di versare l'assegno di mantenimento (assegno divorzile stabilito con sentenza dal tribunale). Temo forse di non essere stato in grado di esprimermi al meglio, ma ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Criteri generali per la determinazione dell’assegno divorzile » Quanto incide la proprietà della casa del coniuge obbligato?