Amministratore condominiale: omesso pagamento premio assicurativo per morosità inquilini - Colpa mia?

Sono amministratore condominiale, e anche inquilino, del mio condominio da diversi anni: purtroppo il mese scorso è accaduto un vero pandemonio.

A fine novembre è scoppiato un incendio sul terrazzo dello stabile, per una fuga di gas pare, che ha danneggiato visibilmente tutte le parti comuni dei ripiani e anche parte della facciata.

Dopodiché, ho contattato l'assicurazione che, però, non vuole disporre il risarcimento a causa di tre rate del premio rimaste impagate.

Dunque, dovremmo risolvere noi condomini con i nostri fondi.

Ora, io, prima del fattaccio, avevo sollecitato più volte, anche per iscritto nella bacheca, i condomini morosi a saldare il dovuto per poter pagare il premio assicurativo e anche altre cose rimaste in sospeso.

I condomini in regola con i pagamenti, però, sono infuriati e vogliono darmi la colpa dell'accaduto, sostenendo che avrei dovuto procedere con decreto ingiuntivo verso gli inquilini non in regola con i pagamenti.

Voglio precisare che, anche se l'avessi fatto, il pagamento non sarebbe stato comunque onorato in tempo.

Dunque, che avrei dovuto fare, anticipare i soldi di tasca mia?

Non so che fare dato che vogliono citarmi in tribunale.

Nell'ipotesi in cui, all'interno di un condominio, si verifichi la morosità di uno o più inquilini per le rate o i pagamenti dei millesimali, l'obbligo dell'amministratore condominiale è quello di attivarsi per il recupero dei crediti.

L'obbligo per l'amministratore, però, si esaurisce nell'invio della diffida ai morosi, mentre non si spinge anche all'azione esecutiva.

Questo principio è stato anche sottolineato dalla Corte di Cassazione, la quale, con sentenza 24920/17, ha chiarito che da un punto di vista legale l'amministratore di condominio non è obbligato ad emettere i decreti ingiuntivi ai morosi. Inoltre, lo stesso non è responsabile se non paga l'assicurazione per mancanza di fondi, poiché non è tenuto ad anticipare le somme occorrenti per il pagamento delle spese e non assume responsabilità per mancati rinnovi contrattuali.

Pertanto, al massimo i condomini (quelli in regola) potranno accusarla di cattiva gestione e non eleggerla alla prossima assemblea: ma lei, dal punto di vista legale, non rischia assolutamente nulla.

29 gennaio 2018 · Stefano Iambrenghi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

condominio
debiti condominiali

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Condominio e morosità » Come rispondono dei debiti gli inquilini in regola con i pagamenti
In materia di morosità condominiale, come rispondono dei debiti causati dai condomini morosi gli inquilini in regola con i pagamenti? Chiariamo questi aspetti nel prosieguo dell'articolo. Condominio: chi e in quale misura è tenuto a pagare le quote e le spese extra-condominiali nel caso in cui uno o più condomini ...
Estinzione anticipata del contratto di prestito e prescrizione del diritto al rimborso del premio assicurativo versato per il residuo periodo di copertura
Spesso le banche e le finanziarie, contestualmente alla estinzione anticipata del prestito, non provvedono a rimborsare al cliente il premio assicurativo per il residuo periodo di copertura non goduto, premio che era stato versato in unica soluzione dal cliente al momento della sottoscrizione del contratto di credito. Quando, dopo qualche ...
Assicurazione RCA e terzo danneggiato - Il risarcimento è dovuto anche se il premio non è stato pagato ma il termine di tolleranza non è scaduto
In tema di assicurazione per danni da circolazione di veicoli, il terzo danneggiato non è tenuto ad effettuare accertamenti se sia stato pagato il premio assicurativo o rilasciati solo il certificato ed il contrassegno, potendo fare ragionevole affidamento sull'apparenza della situazione, giacché quello che rileva per esercitare l'azione diretta nei ...
Il condominio e le morosità » Quando a farne le spese sono gli inquilini in regola
Morosità condominiale: a farne le spese sono sempre i condomini in regola con i pagamenti. Scopriamo perché. Come noto, la riforma del condominio ha cambiato completamente tutte le regole per il caso di condomini morosi, che non abbiano pagato le quote condominiali. In linea generale, con la nuova normativa è ...
Condominio, debitori e pubblica gogna - amministratore condannato
Esemplare la sentenza numero 4364, del 29 gennaio 2013, con cui la Corte di Cassazione sancisce il principio secondo il quale l'amministratore di un condominio non può rendere pubblici, tramite affissione sulla porta dell'ascensore, i nomi dei condomini non in regola coi pagamenti, anche se sussiste una situazione di urgenza ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca