Condominio e morosità » Condomini insolventi vs inquilini in regola

In materia di morosità condominiale, come rispondono dei debiti causati dai condomini morosi gli inquilini in regola con i pagamenti? Chiariamo questi aspetti nel prosieguo dell’articolo.

Condominio: chi e in quale misura è tenuto a pagare le quote e le spese extra-condominiali nel caso in cui uno o più condomini risultino morosi?

Recentemente è stata fatta molta confusione: risulta spesso difficile, infatti, individuare con precisione chi ed in quale misura è tenuto a rispondere, in ambito condominiale, dei debiti dei condomini morosi.

Diverse sentenze passate in giudicato anni fa, avevano stabilito la regola secondo cui, nel caso in cui uno o più condomini risultassero morosi nei confronti di terzi fornitori, questi poteva direttamente ed immediatamente rivolgersi, per il pagamento di quanto a loro dovuto, agli inquilini in regola con gli oneri condominiali, ma solo in proporzione alla rispettiva quota di millesimi.

Successivamente, però, con la riforma del condominio, sono state introdotte diverse novità.

Con la nuova normativa è stato chiarito, innanzitutto, che il creditore deve prima tentare di aggredire il condomino moroso con i pagamenti delle quote condominiali chiedendo all’amministratore di condominio l’elenco degli inadempienti.

In seguito, qualora il primo tentativo risultasse infruttuoso, il creditore potrà agire anche nei confronti dei condomini in regola coi pagamenti.

Su questo delicato tema, però, la riforma non specifica se il fornitore può limitarsi a svolgere il pignoramento nei confronti di un solo condomino oppure deve agire nei confronti di ciascuno in base alla rispettiva quota millesimale.

Concludendo, ricordiamo che, ovviamente, il singolo condomino chiamato a pagare interamente il debito degli inquilini morosi potrà, in un momento successivo, richiedere agli stessi il rimborso di quella parte del debito che sarebbe loro spettato di pagare in proporzione alle loro quote millesimali.

30 Luglio 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il condominio e le morosità » Quando a farne le spese sono gli inquilini in regola
Morosità condominiale: a farne le spese sono sempre i condomini in regola con i pagamenti. Scopriamo perché. Come noto, la riforma del condominio ha cambiato completamente tutte le regole per il caso di condomini morosi, che non abbiano pagato le quote condominiali. In linea generale, con la nuova normativa è stato chiarito, innanzitutto, che il creditore deve prima tentare di aggredire il condomino moroso con i pagamenti delle quote condominiali chiedendo all'amministratore di condominio l'elenco degli inadempienti. In seguito, qualora il primo tentativo risultasse infruttuoso, il creditore potrà agire anche nei confronti dei condomini in regola coi pagamenti. Ma vengono ...

Condominio: morosità del vicino? » Società erogatrice chiude forniture acqua e gas anche ad altri inquilini
Il vicino di casa si trova in condizione di morosità, con il condominio, per bollette insolute di luce e/o gas e l'erogatore del servizio stacca l'acqua o il gas a tutto lo stabile: si, a volte succede. Purtroppo questa prassi, adottata dalle società fornitrici di luce e gas, non è alquanto rara: si tratta, infatti, degli effetti dei sistemi di intestazione delle utenze che, di norma, vengono intestate al condominio intero, nonostante la presenza di contatori individuali. In tali fattispecie, quando l'amministratore di condominio non riesce a riscuotere tutti i canoni mensili dovuti, non paga il dovuto ai fornitori, i ...

Morosità e condominio - chiude anche l'ultimo paradiso del debitore
Brutte notizie per i condomini morosi: fino ad oggi le procedure di recupero delle quote condominiali non pagate risultavano piuttosto farraginose e poco efficaci. Ma, a partire dal 18 giugno 2013, data di entrata in vigore della riforma del condominio, la musica è cambiata e, ahimé, in peggio per noi debitori. Infatti, l'amministratore è adesso obbligato (se l'assemblea non decide di esonerarlo da quest'obbligo - cosa peraltro poco probabile, a meno che non si tratti di un intero condominio a maggioranza costituito da soggetti che non pagano le quote di competenza) ad agire giudizialmente contro i condomini morosi entro sei ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio e morosità » condomini insolventi vs inquilini in regola. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio e morosità » Condomini insolventi vs inquilini in regola Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 30 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)