Ai fini isee come viene calcolata la mia casa concessa in comodato d'uso ai miei genitori?

Il mio nucleo familiare è composto di 4 persone di cui 1 minorenne: io e mia moglie disoccupati, unico reddito, euro 300 per assegno d'invalidità del sottoscritto. In più sono in fitto con 6900 € annue. L'isee con tale situazione risulterebbe "0",oltre, e ancora oltre, sotto la soglia di povertà.

Il problema è che i miei genitori mi hanno intestato una casa con una rendita catastale di € 1.038,00 (nella quale vivono) con la formula del comodato d'uso gratuito da me sottoscritto.

Morale: ai fini del calcolo isee supero i famosi 9360 euro per poter usufruire del reddito di cittadinanza, "ma viviamo in povertà". Forse dovrei trovare un'altra soluzione Ma non ci riesco: a mio semplice avviso, in questi casi basterebbe calcolare la rendita immobiliare al 50%.

Raccogliamo il suo sfogo: per il futuro la soluzione potrebbe essere quella di andare a convivere con i genitori: comunque, ai fini isee, Il patrimonio immobiliare è pari al valore dei fabbricati, delle aree fabbricabili e dei terreni, intestati a persone fisiche non esercenti attività d'impresa, quale definito ai fini IMU al 31 dicembre dell'anno precedente a quello di presentazione della DSU, indipendentemente dal periodo di possesso nell'anno. Il valore è così determinato anche in caso di esenzione dal pagamento dell'imposta.

Dal valore così determinato di ciascun fabbricato, area o terreno, si detrae, fino a concorrenza, l'ammontare dell'eventuale debito residuo alla data del 31 dicembre dell'anno precedente la presentazione della DSU per mutui contratti per l'acquisto dell'immobile o per la costruzione del fabbricato. Per i nuclei familiari residenti in abitazione di proprietà, il valore della casa di abitazione, come sopra determinato, al netto del mutuo residuo, non rileva ai fini del calcolo del patrimonio immobiliare se inferiore alla soglia di 52.500 euro, incrementata di 2.500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo. Se superiore alle predette soglie, il valore rileva in misura pari a due terzi della parte eccedente.

Questo è quanto stabilisce l'articolo 5 comma 2 del DPCM 159/2013.

20 marzo 2019 · Piero Ciottoli

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?