Comodato uso parziale concesso a coniuge separato e isee

io e mio marito siamo separati legalmente, per circa due anni lui ha trasferito la propria residenza in altra abitazione, adesso per vari motivi non ha più un luogo dove stare e mi ha chiesto di poter usufruire di una stanza nella mia abitazione con un contratto di uso gratuito parziale,ai fini isee lui rientrerebbe nel mio reddito? grazie

I coniugi separati o divorziati fanno parte dello stesso nucleo familiare, qualora continuino a risiedere nella stessa abitazione: essi continuano a far parte dello stesso nucleo anche nell’ipotesi in cui risiedano nella stessa abitazione, ma risultino in due stati di famiglia distinti. Pertanto, affinché i coniugi separati o divorziati costituiscano due nuclei diversi, è necessario che abbiano due diverse residenze. Se la separazione o il divorzio sono avvenuti successivamente alla data del 1° settembre 2018, il cambio di residenza deve essere certificato da apposito verbale della polizia locale.

Reddito e patrimonio ISEE del nuovo nucleo familiare formatosi dopo la convivenza stabilita fra i coniugi legalmente separati deriveranno, pertanto, dalla somma dei redditi e dei patrimoni di entrambi i componenti la coppia legalmente separata.

5 Ottobre 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Come va inquadrato nella DSU il possesso al 50% di un immobile concesso in comodato d'uso?
Mia madre è proprietaria per una quota del 50% di una casa, l'altra metà è di proprietà della sorella: trattandosi della casa dei loro genitori dove la sorella di mia madre ha sempre vissuto sino al loro decesso, mia madre ha concesso il suo 50% alla sorella che continua ad utilizzare la casa come sua abitazione personale (mia madre a vive altrove). In sede di dichiarazione isee mia madre deve indicare il suo 50% concesso in uso gratuito. E se sì, va indicata la situazione giuridica di fatto, ossia il gravame dell'uso. ...

Casa di proprietà assegnata a coniuge separato affidatario della prole - Ma perchè viene conteggiata nel mio ISEE?
Ho acquistato casa prima del matrimonio, dopo 12 anni mi sono separato, la casa é stata assegnata alla mia ex con prole e da quel momento ho dovuto, per causa di forza maggiore, spostare la residenza a casa di mia madre. Premetto che non ho ne conti correnti, né auto di lusso, né redditi da lavoro: ho chiesto l'Isee ed é altissimo in quanto la casa fa schizzare il tutto. Credo che ai fini fiscali me la calcolino come se fosse una seconda casa in quanto non ho la residenza. Ma io mi chiedo se c'è un modo per abbattere ...

Ai fini isee come viene calcolata la mia casa concessa in comodato d'uso ai miei genitori?
Il mio nucleo familiare è composto di 4 persone di cui 1 minorenne: io e mia moglie disoccupati, unico reddito, euro 300 per assegno d'invalidità del sottoscritto. In più sono in fitto con 6900 € annue. L'isee con tale situazione risulterebbe "0",oltre, e ancora oltre, sotto la soglia di povertà. Il problema è che i miei genitori mi hanno intestato una casa con una rendita catastale di € 1.038,00 (nella quale vivono) con la formula del comodato d'uso gratuito da me sottoscritto. Morale: ai fini del calcolo isee supero i famosi 9360 euro per poter usufruire del reddito di cittadinanza, ...

Dove mi trovo?