Acquisto automobile elettrica - Conviene davvero?

Dato che lavoro al centro di Roma, e la benzina costa sempre di più sto valutando l'acquisto di un'automobile elettrica: vorrei sapere però se a lungo termine c'è un'effettiva convenienza dato il costo iniziale molto alto.

Potete aiutarmi?

Negli ultimi tempi è sempre più in crescita il mercato delle automobili ibride o completamente elettriche: anche se, però, il risparmio sui consumi e il minor impatto ecologico è evidente, molte persone sono ancora scettiche su questo tipo di mercato.

E' bene però chiarire subito una cosa: l'auto elettrica conviene, non solo all'ambiente.

Infatti, se il costo iniziale per il suo acquisto è senza dubbio ancora elevato, nell'arco della sua vita viene ammortizzato rendendola più conveniente rispetto alle auto alimentate a benzina o gpl, e anche rispetto alle ibride.

Lo rivela una recente ricerca realizzata da Element Energy, che ha messo a confronto il cosiddetto Tco (ovvero il costo totale di possesso autovetture) di diverse tipologie di auto, con risultati sorprendenti.

Lo studio considera i costi totali di possesso in Italia (dall'assicurazione al bollo, dalla manutenzione all'acquisto al carburante) per un'auto di segmento C acquistata nel 2018, considerando un primo proprietario che la tiene per 4 anni percorrendo 15mila km l'anno; un secondo proprietario che la tiene per 5 anni percorrendo 12mila km anno, un terzo per 7 anni e 10mila km anno.

Secondo la ricerca, nell'arco di tempo considerato, un'auto elettrica costa in tutto 66.087 euro contro gli 81.242 euro di un'auto a benzina, i 79.657 euro di un'ibrida, i 73.207 di un'ibrida plug in, i 71.808 di un diesel, i 72.357 di una Gpl e i 66.485 per un'auto a metano.

Già oggi l'auto elettrica, considerando che non dobbiamo fare il pieno, è molto competitiva.

In circa 15 anni di possesso, si risparmiano circa 900 euro.

Un dato che dovrebbe far riflettere il consumatore che quando si reca al concessionario si sente disincentivato all'acquisto di un'auto elettrica perché non pensa al risparmio nel corso della vita dell'auto.

C'è poi un vantaggio incrementale, ovvero i secondi e i terzi proprietari di un'auto elettrica usata avranno un risparmio maggiore.

Vantaggi per le tasche dei consumatori ma anche sociali ed economici.

Secondo lo scenario tracciato nello studio Fuelling Italy's Future, puntando sull'auto elettrica in Italia si potrebbero creare oltre 19 mila posti aggiuntivi di lavoro netti al 2030, e più di 52 mila al 2050.

In più, l'auto elettrica è circa tre volte più efficiente di quella a motore tradizionale e può quindi determinare, nello scenario preso in considerazione dallo studio, un risparmio energetico del 75% al 2050.

Sempre secondo la ricerca, c'è poi da considerare il risparmio, in termini vite umane, produttività (cioè giorni in meno di lavoro perso grazie alla migliore qualità dell'aria) e costi sanitari diretti quantificabile in 13,5 miliardi di euro al 2050.

La diminuzione del particolato nell'aria nelle nostre città, limitandoci alle emissioni al tubo di scappamento, apporterebbe poi benefici al 2050 pari a 11 5 mila anni di vita risparmiati, 2m ila casi in meno di tumore a polmone e 12.600 casi di bronchite in men".

3 ottobre 2018 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

acquisto autovettura
tutela consumatore

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?



Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca