Acquisto auto nuova – Un anno di rate e di problemi » i diritti dell’acquirente consumatore

Argomenti correlati:

Ho acquistato una nuova auto e purtroppo sin dal primo mese ho fatto presente alla concessionaria che erano comparsi alcuni difetti, uno in particolare che destava molte preoccupazioni in quanto si tratta di un rumore metallico (ferraglia) legato alla trasmissione che aumentava premendo la frizione.

Finalmente dopo aver insistito, aver coinvolto anche la casa madre allegando vari video, riconoscono che c’e’ un’anomalia. Mi trattengono l’auto in officina per 30 giorni in attesa arrivi il pezzo (volano) che a detta loro causa il problema.

Vengo finalmente ricontattato e mi viene comunicato che posso riprendere l’auto ma che nessun intervento era stato fatto in quanto anche il pezzo nuovo non avrebbe risolto il problema. Definendo il rumore caratteristico, il tutto solo a voce.

Dopo ricevo dalla casa madre (ma solo grazie al fatto che io mi rifiutai di riconsegnare la loro auto di cortesia) che l’auto viaggia in condizioni sicure.

Dopo un paio di mesetti, durante il primo viaggio, dove ho potuto sollecitare maggiormente la frizione, la stessa si brucia, il pedale mi resta giù. Il tutto accaduto a soli 6 mila km.

Un’altra officina autorizzata,sostenendo fosse strano che la prima non avesse sostituito il volano dopo averlo ordinato, esegue i lavori, sostituendo volano, frizione spingidisco, anch’esso difettoso.

Al termine però dei lavori il rumore resta invariato, cosi’il capo officina richiede l’ausilio di un ingegnere, ma la casa madre gli rifiuta l’intervento, dicendo di comunicarmi che il rumore è da definirsi caratteristico.

Il capo officina manda un report in cui sostiene che il rumore e’ presente solo nel mio veicolo.

Ho ancora un anno di garanzia e oltre a questo grave problema dove mi reca paura ed insicurezza alla guida ne ho altri mai risolti, come la radio che disattiva l’audio nell’anteriore.

Il Direttore dice che non l’ha costruita lui, io in tutto ho lasciato l’auto presso le loro officine 2 mesi, pagando 2 rate inutilmente dato che i problemi persistono.

Ho già mandato 2 pec da un avvocato ma non hanno risposto.

Posso sospendere le rate? Posso lasciar loro l’auto e pretendere che me la sistemino pena la non riconsegna eventuale della loro auto di cortesia?

E’ possibile che il consumatore debba essere sempre il solo a rimetterci?

Naturalmente, al momento deve continuare a pagare le rate, se non vuole passare dalla ragione al torto: nemmeno può tenersi l’auto di cortesia che, peraltro, non è intestata a lei e comporterebbe il reato di appropriazione indebita con tutte le conseguenze del caso. Mentre lasciando l’auto acquistata presso il concessionario, rischierebbe di vedersi addebitate anche le spese di custodia: oltre al danno, la beffa.

Il consumatore decade dai diritti che la legge gli riserva in tema di garanzia a fronte di difetti del bene acquistato, se non denuncia al venditore il difetto entro il termine di due mesi dalla data in cui il difetto stesso è emerso. La denuncia non e’ necessaria se il venditore ha riconosciuto l’esistenza del difetto o lo ha occultato (articolo 132 del codice del consumo).

Avendo denunciato i vizi riscontrati via pec, e avendo evidentemente il concessionario riconosciuta l’esistenza del difetto visti i tentativi (rivelatisi vani) di rimediare, lei potrà procedere in giudizio abbastanza celermente, ex articolo 130 del codice del consumo, citando in giudizio la concessionaria e chiedendo al giudice di riconoscere il suo diritto, in qualità di consumatore, alla sostituzione del bene acquistato, oppure alla risoluzione del contratto o alla riduzione del prezzo (ma queste due opzioni sono difficilmente praticabili laddove l’acquisto sia stato finanziato da terzi) dal momento che, come nella fattispecie, il tentativo di eliminazione del vizio non è andato a buon fine e la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato ulteriori inconvenienti al consumatore.

L’alternativa è quello di “abbracciare la croce” e tenersi il rumore metallico.

1 Gennaio 2020 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Acquisto auto a rate
Sono costretto a vendere l'auto che devo ancora pagare per diversi anni (non pago già da qualche mese le rate) perché non ho più lavoro né casa - sto dai miei - e ho figlia e moglie da mantenere. A quali conseguenze vado incontro se mi tengo quei soldi invece di pagare le rate? Tra l'altro, con il ricavato della vendita non potrei mai saldare il debito con la finanziaria della concessionaria. ...

Tutela consumatore » Assicurazione rc auto obbligatoria: Diritti doveri ed oneri per il consumatore
Tutto ciò che il consumatore deve conoscere sul contratto assicurativo rc auto. Cosa è bene sapere prima di sottoscrivere un contratto rc auto? Come scegliere la copertura migliore per le proprie esigenze? Che cosa è il bonus-malus? Cosa sono le clausole di franchigia, esclusione e rivalsa? Ci sono altre coperture obbligatorie per legge? A queste, ed ad altre, domande, risponderemo nel prosieguo dell'articolo. ...

Acquisto autovettura nuova e proposta d'acquisto - Quali precauzioni devo adottare prima di firmare il contratto?
Ho 19 anni, lavoro, e mi sto accingendo ad acquistare la mia prima auto, senza dire nulla ai miei genitori. Non sono molto esperto e vorrei evitare fregature. Mi sono recato qualche giorno fa in concessionaria e, dopo aver scelto il modello che mi piace, mi è stata presentata una proposta d'acquisto. Ora, prima di sottoscriverla, vorrei sapere a cosa devo stare attendo per non incappare in situazioni spiacevoli in merito alla firma del contratto vero e proprio. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Acquisto auto nuova – Un anno di rate e di problemi » i diritti dell’acquirente consumatore