Accettazione eredità con beneficio inventario e debiti – Posso vendere beni?

Dopo la morte di mio padre, io e mia sorella abbiamo effettuato l’accettazione d’eredità con beneficio d’inventario: è venuto fuori, purtroppo troppo tardi, che mio padre avesse grossi debiti con ex fornitori.

Dalla successione abbiamo ottenuto una casa e un’automobile di grossa cilindrata.

Vorrei sapere se, grazie al beneficio d’inventario, possiamo salvarle dalla morsa dei creditori.

In caso contrario, è possibile venderle prima dell’azione dei creditori?

Chi accetta l’eredità con beneficio d’inventario è erede, con l’unica rilevante differenza, rispetto all’accettazione pura e semplice, che il patrimonio del defunto é tenuto distinto da quello dell’erede, producendosi così la limitazione della sua responsabilità per i debiti ereditari entro il valore dei beni lasciati dal defunto.

Praticamente, l’accettazione dell’eredità con beneficio d’inventario, non determina, di per sé sola, il venir meno della responsabilità patrimoniale dell’erede per i debiti del defunto, ma fa solo sorgere il diritto di questo a non risponderne oltre al valore dei beni accettati con beneficio di inventario.

Pertanto, nel caso in cui l’erede effettui alienazioni di beni ereditari senza l’autorizzazione del giudice, l’azione dei creditori del defunto, finalizzata ad accertare l’intervenuta decadenza dal beneficio dell’inventario, può essere promossa al compimento dell’atto non autorizzato.

In sostanza, se l’erede aliena beni ereditari senza l’autorizzazione del giudice decade dal diritto di accettazione dell’eredità con beneficio di inventario.

Dunque, accettando con il beneficio d’inventario l’eredità, l’erede dovrà rispondere all’azione dei creditori con i beni iscritti nella successione.

Al contrario, se provvederà alla vendita, senza autorizzazione del giudice, l’erede decadrà anche dal beneficio d’inventario, e dovrà rispondere dei debiti del defunto anche con il suo patrimonio personale.

In pratica, potete uscirne solo notificando ai creditori il rendiconto della vostra amministrazione riguardo ai beni inventariati, attestante che il loro valore è inferiore ai debiti del defunto. I creditori presenteranno istanza al giudice competente (del luogo dove è stata aperta la successione) affinché, ex articolo 500 del codice civile, venga fissato un termine entro il quale l’erede liquidi le attività ereditarie e soddisfi parzialmente i creditori.

Anche il mancato rispetto del termine stabilito dal giudice determina la decadenza dal beneficio di inventario.

31 Ottobre 2017 · Giorgio Valli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Accettazione eredità con beneficio di inventario - passività maggiori dei beni
Mio padre è nullatenente, ma ha una situazione debitoria importante: io ho un figlio di pochi mesi che, molto probabilmente, sarà minorenne quando mio padre verrà a mancare. Se, alla morte di mio padre, io dovessi accettare l'eredità con beneficio di inventario, ho capito che sarei tenuto a rispondere dei debiti solo entro i termini dei beni ereditati (pari a zero, nel mio caso). I creditori, quindi, non sarebbero soddisfatti ma non potrebbero rifarsi sui miei beni. Avendo accettato io l'eredità con beneficio di inventario, ma non essendo i beni ereditati sufficienti a soddisfare i creditori, esiste la possibilità che ...

I debiti superano di gran lunga il valore dei beni - Posso rinunciare dopo aver accettato l'eredità con beneficio di inventario?
Dopo aver fatto il verbale di accettazione con beneficio di inventario, con suddetto inventario nei termini previsti, e dopo aver fatto la successione di 1/9 di immobile, posso ora, dopo neanche un anno dalla morte di mio padre e dalla dichiarazione di successione, decidere di RINUNCIARE all'eredità dell'inventario? Perché i debiti superano di gran lunga il valore dei beni. ...

Accettazione con beneficio di inventario - prescrizione debiti non soddisfatti
Se accettassi l'eredità di mio padre con beneficio di inventario e, dopo l'inventario, i debiti risultassero essere superiori ai beni, i creditori di mio padre non potrebbero rivalersi sui miei beni. Ci sarebbe però una parte di debito residuo che non potrebbe essere soddisfatto. In tal caso, esistono dei termini, a partire dalla pubblicazione dell'inventario, entro i quali il debito residuo andrebbe prescritto? Oppure, se i creditori (nella fattispecie equitalia) continuassero a inviare solleciti di pagamento, il debito residuo non andrebbe in prescrizione? Se il debito residuo non andasse in prescrizione, i miei figli lo erediterebbero a loro volta alla ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Accettazione eredità con beneficio inventario e debiti – Posso vendere beni?