Monetizzazione dell‘ipoteca a garanzia di un credito

L'ipoteca rende possibile al creditore, titolare di una pretesa reale, di soddisfarsi sul controvalore dell'immobile gravato. Infatti il creditore può chiedere l'esecuzione forzata a carico dell'immobile su cui grava l‘ipoteca.

L'esecuzione forzata esplica i suoi effetti non soltanto verso il debitore, ma anche nei confronti dei seguenti proprietari:

  1.  il proprietario che ha concesso una ipoteca per un debito altrui;
  2.  il proprietario che ha acquistato l'immobile dopo l'iscrizione dell'ipoteca.

I terzi proprietari hanno due possibilità di sottrarsi all'esecuzione forzata:

  1.  pagare il debito ipotecario;
  2.  liberare l'immobile.

La liberazione dell'immobile da parte del terzo proprietario è sensata solo qualora il valore dell'immobile gravato non sia sufficiente a coprire l'intero credito ipotecario.

Il terzo proprietario dell'immobile gravato da ipoteca per un debito altrui ed il terzo ac­quirente dell'immobile che hanno soddisfatto il creditore hanno un diritto di regresso verso il debitore.

L‘ordine per gradi delle ipoteche costituite sul medesimo bene immobile fa riferimento al momento dell'iscrizione dell'ipoteca. L'ipoteca meno recente ha la priorità nei con­fronti dell'ipoteca più recente.

L'articolo 878 del codice civile regola i casi di estinzione dell'ipoteca (ma non del debito). Significativo nella pratica è che le ipoteche si estinguono dopo 20 anni. Per evitare questa prescri­zione l'ipoteca deve essere rinnovata prima della scadenza.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Pino 11 dicembre 2008 at 10:43

    Bisogna stare molto attenti. Quando un notaio stila l’atto di compravendita di un immobile deve informare l’acquirente se il bene è soggetto ad ipoteca. Nel mio caso è successo che gravava un’ipoteca semplice e due ipoteche giudiziali premetto che ho acquistato da un amministratore giudiziale il quale mi aveva garantito che all’acquisto del bene tramite lui non avrei avuto problemi. Solo dopo cinque anni è successo che mi aveva chiesto 450 Euro per la cancellazione delle ipoteche giudiziali. Ho scoperto che il giudice aveva ordinato la cancellazione dfelle medesime, per cui non ho pagato nulla in barba a ciò che aveva chiesto l’avvocato amministratore giudiziale. Dulcis in fundo sono proprietario lo stesso, non ho pagato un bel nulla e l’ipoteca per me è ormai cartolare.

  • c0cc0bill 28 ottobre 2008 at 20:28

    siamo daccordo con le leggi ma io con l ipoteca sulla casa posso intestarla a mia madre? senza che le banche dove io ho il debito possano toccarla grazie.

    Commento di anna | Martedì, 28 Ottobre 2008

    La sinteticità è ottima cosa. Però in questo caso mi spiace, Anna, ma non ho proprio capito …




Cerca