Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni

Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti.

La mancata comunicazione dei dati del conducente che ha commesso l'infrazione, comporta una ulteriore sanzione pecuniaria che va dai 369 euro fino a raggiungere, in casi di recidiva, l'importo di 1.075 euro.

Contemporaneamente, però,  quando non c'è contestazione immediata, la multa deve essere notificata entro 90 giorni dalla data di accertamento dell'infrazione,  così come disposto dall'articolo 201, comma 1 del codice della strada.

La domanda è: cosa accade in caso di omissione della notifica del verbale, per quanto attiene l'obbligo di comunicazione dei dati del conducente al momento dell'infrazione?

Con una recente sentenza (la numero 11185 del 20 maggio 2011) la Corte di Cassazione  ha fornito una risposta:  qualora i l'amministrazione abbia omesso di notificare la multa nel  termine di 90 giorni,  il proprietario del veicolo  non è più vincolato a comunicare i dati dell'effettivo conducente, anche se il proprietario stesso non ha inteso proporre opposizione  al primo verbale.  Deve però essere impugnato il  verbale relativo alla contestazione della mancata comunicazione degli estremi del conducente.

La ratio della decisione  è insita, spiegano i giudici,  nella considerazione che lo sforzo mnemonico per ricordare chi fosse alla guida del mezzo al momento dell'infrazione può essere imposto al titolare del veicolo  solo entro tempi ragionevoli dettati dal buon senso e ritenuti congrui con il limite dei 90 giorni previsto per la notifica del verbale.   Pertanto, l'obbligo del proprietario della comunicazione entro 60 giorni dalla notifica del verbale di contestazione può scattare solo se c'è stata la notifica tempestiva di tale verbale.

20 ottobre 2011 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Patente a punti » Avviso di comunicazione dati del conducente: l'impugnazione del verbale non basta al proprietario del veicolo per evitare la sanzione
Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta. L'obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall'Amministrazione ove sia contestata ...
Infrazione e mancata comunicazione dati conducente » Decide giudice del luogo dove ha sede Polizia
Infrazione commessa e mancata comunicazione dei dati del conducente. In questo caso è competente il giudice del luogo dove ha sede l'organo di polizia procedente. Infatti, contro il verbale di accertamento a carico del conducente che non comunica le generalità della persona al volante al momento dell'infrazione, è territorialmente competente ...
Decurtazione punti patente - Il ricorso avverso la violazione principale non esenta dall'obbligo di comunicare i dati del conducente
Com'è noto, in caso di violazione al codice della strada da cui consegua la sanzione amministrativa accessoria della decurtazione dei punti della patente, qualora non sia stato possibile procedere, con la contestazione immediata, all'identificazione del trasgressore, il proprietario del veicolo deve fornire all'organo di polizia che procede, entro sessanta giorni ...
Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
La presentazione del ricorso al verbale di multa non elimina l'obbligo di comunicare i dati del conducente
In caso di violazione al codice della strada a cui consegua la sanzione amministrativa accessoria della decurtazione di punti della patente, il ricorso avverso la violazione principale non elimina, in capo al proprietario del veicolo, l'obbligo di comunicare i dati del conducente richiesti dalla P.A. che attiene ad un dovere ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni. Clicca qui.

Stai leggendo Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 20 ottobre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 1 maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca

Forum

Domande