Patente » Avviso comunicazione dati: impugnazione verbale non basta

Avviso di comunicazione dati patente del conducente: impugnare il verbale non basta.

L’obbligo, posto a carico del proprietario del veicolo, di comunicare i dati del conducente che ha commesso la violazione del Codice della Strada costituisce un distinto obbligo, sanzionato autonomamente, che nasce dalla richiesta avanzata dall’Amministrazione ove sia contestata una violazione che determina la decurtazione dei punti patente.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20974/14.

Da quanto si evince dalla suddetta pronuncia, quando si riceve una multa, il fatto di aver impugnato il verbale non esime dall’obbligo di comunicare, all’amministrazione che ha notificato la contravvenzione, anche i dati di chi era il conducente al momento dell’infrazione.

Tale obbligo, infatti, rimane solo sospeso in attesa del deposito della sentenza di primo grado, dopodichè,, tornano a decorrere i 60 giorni di tempo per la comunicazione, senza bisogno di un ulteriore invito da parte dell’Amministrazione.

Così, se ci si dimenticata di inoltrare la relativa comunicazione, si ricevere un’ulteriore multa.

A parere degli Ermellini, il dovere del proprietario del veicolo di comunicare i dati dell’effettivo conducente che ha commesso la violazione costituisce un distinto obbligo rispetto a quello del rispetto del codice della strada.

Pertanto, se l’obbligo è diverso, anche la sanzione è diversa, e viaggia su un binario autonomo e parallelo nonostante venga impugnata davanti al giudice la multa.

Da ciò ne deriva che, anche quando si impugna il verbale, proponendo ricorso al giudice di pace, corre ugualmente l’onere di comunicare i dati del conducente entro 60 giorni: obbligo che continua a decorrere, però, solo dopo il deposito della sentenza del giudice di pace.

8 Ottobre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale non deve comunicare alcunché all'autorità che ha elevato la multa. Impugnazione multa: secondo il giudice di pace di parma non c'è l'obbligo di comunicazione dati conducente A parere del giudice di pace di Parma, con la decisione 703/13, non vi è l'obbligo di comunicare i dati del conducente se nel ...

I dati del conducente vanno chiesti al proprietario del veicolo al momento dell'infrazione e non al proprietario del veicolo al momento della notifica del verbale di multa
Il proprietario del veicolo, in quanto responsabile della circolazione dello stesso nei confronti delle pubbliche amministrazioni e dei terzi, è tenuto sempre a conoscere l'identità dei soggetti ai quali ne affida la conduzione; ne deriva che dell'eventuale incapacità d'identificare detti soggetti necessariamente risponde, nei confronti delle une per le sanzioni e degli altri per i danni, a titolo di colpa per negligente osservanza del dovere di vigilare sull'affidamento in modo da essere in grado di adempiere al dovere di comunicare l'identità del conducente. Se, dunque, l'onere di comunicazione dei dati del conducente è finalizzato ad assicurare la collaborazione del proprietario ...

Decurtazione punti patente - Il ricorso avverso la violazione principale non esenta dall'obbligo di comunicare i dati del conducente
Com'è noto, in caso di violazione al codice della strada da cui consegua la sanzione amministrativa accessoria della decurtazione dei punti della patente, qualora non sia stato possibile procedere, con la contestazione immediata, all'identificazione del trasgressore, il proprietario del veicolo deve fornire all'organo di polizia che procede, entro sessanta giorni dalla data di notifica del verbale di contestazione, i dati personali e della patente del conducente al momento della commessa violazione. Il ricorso avverso la violazione principale non elimina, in capo al proprietario del veicolo, l'obbligo di comunicare i dati del conducente richiesti dalla Pubblica Amministrazione, obbligo che attiene ad ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su patente » avviso comunicazione dati: impugnazione verbale non basta. Clicca qui.

Stai leggendo Patente » Avviso comunicazione dati: impugnazione verbale non basta Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 8 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)