Centrale Rischi » Illegittima segnalazione dopo accettazione rientro

E’ illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi dopo l’accettazione del piano di rientro da parte della banca

La segnalazione di una posizione in sofferenza presso la Centrale Rischi, infatti, richiede la valutazione della complessiva situazione finanziaria del cliente, e non può quindi scaturire dal mero ritardo nel pagamento del debito o dal volontario inadempimento.

Questo l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 3165/14.

Se l’istituto di credito accetta il piano di rientro la segnalazione in centrale rischi è illegittima

Come noto, la Centrale Rischi (CR) è il servizio informativo attivo presso la Banca d’Italia finalizzato alla raccolta dei dati relativi al credito che gli intermediari, al termine di un determinato periodo di tempo (normalmente la comunicazione deve essere fatta ogni mese) vantano nei confronti dei propri clienti.

Tale sistema ha come obiettivo ultimo il rafforzamento della stabilità finanziaria dell’intero sistema creditizio, attuato attraverso il monitoraggio costante delle situazioni di potenziale insolvenza dei debitori nei confronti dello stesso sistema.

Come si evince dalla sentenza in esame, la banca non può segnalare il proprio cliente alla Centrale Rischi dopo aver accettato il piano di rientro del debito da questi avanzato e dopo che la prima rata sia stata già versata.

Infatti, in tali casi, l’avviso alla Centrale rischi è del tutto ingiustificato e sproporzionato, in quanto si inserisce in un contesto di assoluta regolarità pattizia tra le parti.

Ciò a maggior ragione se il debito con l’istituto di credito è modesto.

In ogni caso, prima della segnalazione va comunque presa in considerazione la situazione economico-finanziaria dell’azienda.

La situazione di grave inadempienza deve essere cioè equiparata a una grave e non transitoria difficoltà economica che non coincide con la mera situazione di insolvenza.

Questa situazione deve essere eventualmente riscontrata dalla banca attraverso l’analisi dei bilanci.

E’ quindi illegittima la segnalazione alla Centrale Rischi da parte della banca, effettuata a seguito dell’accettazione di quest’ultima del piano di rientro del debito del cliente, dì per sé garanzia idonea a scongiurare la definitività della crisi aziendale.

27 Febbraio 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Segnalazione in centrale rischi da parte dell'istituto di credito » Ecco quando è illecita
Quando il cliente di un istituto di credito è insolvente, la banca ha l'obbligo di segnalarlo alla Centrale rischi. Ma a volte la segnalazione può essere illecita. Infatti, c'è una procedura da rispettare. Prima della messa a sofferenza, l'istituto di credito deve necessariamente fare una valutazione complessiva del cliente e una comunicazione scritta con raccomandata. Solo successivamente sarà possibile iscrivere il correntista moroso alla Centrale rischi.­ L'appostazione a sofferenza La segnalazione del correntista in Centrale Rischi, a causa d'insolvenza, non può avvenire immediatamente dopo un semplice ritardo di pagamento del debito. Al contrario la cosiddetta appostazione a sofferenza che in ...

Centrale rischi (CR) della Banca d'Italia – segnalazione di un credito prescritto
Istituita con Delibera CICR (Comitato interministeriale per il credito e il risparmio) del 16 maggio 1962, la Centrale Rischi è un servizio accentrato di informazioni sui rischi finanziari gestito dalla Banca d'Italia. Tale servizio consente alle banche, attraverso la raccolta di informazioni provenienti dalle stesse sui rischi dei propri clienti, di conoscere le eventuali posizioni debitorie dei clienti nei confronti del sistema bancario consentendo loro la valutazione della solvibilità, al fine di decidere su eventuali concessioni di affidamenti agli stessi. ...

Cattivi pagatori e preavviso di segnalazione con posta ordinaria - non sempre illegittima l'iscrizione in Centrale Rischi
Secondo la normativa vigente i requisiti di legittimità della iscrizione di un nominativo in una Centrale Rischi, sono due: la veridicità sostanziale dei fatti di inadempimento segnalati; il rispetto delle garanzie procedurali che impongono al segnalante di preavvisare il segnalando della prossima sua iscrizione in una centrale rischi. Tuttavia circa gli effetti dell'inadempimento dell'obbligo di preavviso sussistono orientamenti diversi. Più specificatamente il Collegio di Roma dell'Arbitro Bancario Finanziario, sulla base dell'assunto che quello di preavviso è un obbligo ex lege che incombe sul segnalante e che l'adempimento di tale obbligo è condizione di legittimità della susseguente segnalazione del cliente in ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su centrale rischi » illegittima segnalazione dopo accettazione rientro. Clicca qui.

Stai leggendo Centrale Rischi » Illegittima segnalazione dopo accettazione rientro Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 27 Febbraio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria le centrali rischi della banca d'italia - cr e cai Inserito nella sezione cattivi pagatori e centrali rischi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)