Il conto consuntivo

Bilancio preventivo e conto consuntivo condominiali sono regolati dall’articolo 1124 del codice civile.

L’Amministratore è tenuto a presentare alla fine di ogni esercizio il rendiconto del suo operato (si veda articolo 1130 – comma 4 – cod. civ.). Se per due anni non ha reso il conto della sua gestione, può essere revocato su ricorso all’autorità giudiziaria di uno o più condomini (si veda articolo 1129 – cod. civ.).

La presentazione del conto consuntivo dovrebbe avvenire entro i primi due, tre mesi dalla chiusura dell’esercizio, prevedere una disposizione al riguardo nel regolamento condominiale sarebbe opportuno.

Il conto consuntivo con il conteggio individuale per ogni condomino viene spedito unitamente all’invito di convocazione per l’assemblea condominiale, per dare modo ai condomini di controllare i conti prima dell’assemblea. Nel conto consuntivo devono risultare i versamenti effettuati dai condomini e le spese addebitate, che poi costituiscono la base per il definitivo importo dovuto dal proprietario per il periodo considerato.

Anche se la legge non prevede una formalità ben precisa per la stesura del conto consuntivo, lo stesso deve essere redatto in maniera corretta, leggibile e rispondente alle entrate e spese effettivamente sostenute. Normalmente vige il principio di cassa, cioè solo le entrate e spese effettivamente sostenute devono apparire nel conto consuntivo, crediti e debiti (come fatture scadute nell’esercizio di riferimento ma non pagate o rate non versate da condomini morosi) non devono essere considerate.

Le singole voci di uscita devono trovare una rispondente documentazione. Fanno parte inoltre l’indicazione dei criteri di ripartizione, l’esposizione della quota parte di ciascun proprietario, detratti i versamenti effettuati nel corso dell’esercizio.

I revisori dei conti, appositamente nominati, hanno il compito di espletare i relativi controlli prima dell’assemblea.

Importante:
l’amministratore, che è anche condomino, non può esercitare il diritto di voto nell’ambito dell’approvazione della delibera che verte sulla sua gestione (trib. Napoli 16.6.1975).

Se esistono fondati sospetti o riserve, anche un solo proprietario può richiedere, al di fuori dell’assemblea condominiale, di visionare documenti e giustificativi di spesa inerenti al conto consuntivo, anche se questo è già stato approvato a maggioranza. Lo stesso condomino può impugnare la delibera di approvazione a maggioranza del conto consuntivo, se le giustificazioni di spesa sono carenti di documentazione (Trib. Genova 5.12.1983).

L’approvazione del conto consuntivo avviene per deliberazione a maggioranza (in seconda convocazione un terzo dei proprietari e un terzo dei millesimi di proprietà).
Decorso il termine di impugnativa di un mese il conto consuntivo si ritiene approvato anche se risultano errori o indicazioni sbagliate.

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento conto corrente condominale » E' possibile?
E' possibile il pignoramento del conto corrente condominiale? Analizziamo la questione nell'articolo seguente. Quando una compagnia che ha eseguito lavori, ad esempio di ristrutturazione, all'interno del condominio non riceve il pagamento della prestazione al termine dei lavori, scatta il principio della solidarietà sussidiaria tra condomini. Ciò vuol dire che i creditori devono agire in esecuzione forzata, in primo luogo nei confronti del condomino moroso, ossia nei confronti di colui che non è in regola con il versamento delle spese condominiali. Pertanto, per i creditori, è necessario dapprima effettuare un tentativo di escussione nei confronti dei condomini non adempienti, prima di ...

Qualsiasi condomino ha il diritto di ottenere dalla banca un estratto del conto corrente condominiale
L'articolo 1229, settimo comma, del codice civile dispone che L'amministratore è obbligato a far transitare le somme ricevute a qualunque titolo dai condomini o da terzi, nonché quelle a qualsiasi titolo erogate per conto del condominio, su uno specifico conto corrente, postale o bancario, intestato al condominio; ciascun condomino, per il tramite dell'amministratore, può chiedere di prendere visione ed estrarre copia, a proprie spese, della rendicontazione periodica. Le banche, hanno interpretato la norma del codice civile, sopra menzionata, nel senso che l'amministratore è l'unico soggetto legittimato ad ottenere copia della documentazione relativa al conto corrente condominiale, con conseguente esclusione del ...

Estratto del conto corrente condominiale - Ciascun condomino può richiederlo direttamente alla banca
Prima della recente riforma della disciplina del condominio, era riconosciuto ai singoli condomini il diritto di ottenere copia della documentazione bancaria relativa al conto corrente condominiale, trattandosi di un ente sprovvisto di personalità giuridica ed operando l'amministratore condominiale quale rappresentante dei singoli partecipanti al condominio stesso. A seguito della riforma del condominio il quadro normativo è mutato, essendo stata notevolmente modificata la disciplina del condominio negli edifici e introdotta una serie di misure volte a definire con maggior rigore gli obblighi degli amministratori condominiali. In particolare, per quanto qui maggiormente interessa, adesso l'amministratore è obbligato a far transitare le somme ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su il conto consuntivo. Clicca qui.

Stai leggendo Il conto consuntivo Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • davvero 17 Marzo 2012 at 12:05

    Gentilissimi di indebitati.it,
    avrei una domanda da porVi:
    a novembre del 2007 ho ricevuto il decreto di trasferimento di un appartamento aggiudicato ad un’asta giudiziaria.
    L’amministratore di condomio mi ha fatto saldare i debiti del precedente proprietario (8000€) perchè non era riuscita ad ottenere niente mettendosi in lista con i creditori e giustificando la cosa dicendomi che il nuovo proprietario è responsabile del bilancio dell’anno in corso e di quello precedente.
    E’ stata una cosa legale? o ho dovuto saldare debiti che non mi competevano?

    • Giorgio Valli 17 Marzo 2012 at 16:45

      Il debito non era della proprietà, ma del proprietario.

      L’amministratore avrebbe dovuto ottenere un decreto ingiuntivo nei confronti dell’ex proprietario e semmai iscrivere ipoteca sull’immobile.

      Così ha fatto prima. Certo, per l’amministratore e per l’intero condominio è statavuna fortuna avere un acquirente come lei.

  • giorgio 8 Dicembre 2008 at 22:25

    ho ricevuto da una finanziaria tramite la banca dove ho il conto corrente da 21 anni un prestito x estingure un altro prestito in corso da 1 anno. a cosa vado incontro se non lo estinguo? dove ho la possibilita economica x pagarli tutti e 2.

  • Schiavo Vincenzo 6 Dicembre 2008 at 16:32

    L’Amministratore del nostro condominio ha convocato ora una assemblea per l’approvazione dei bilanci consuntivi degli anni dal 2002 (01/03/2001-28/02/2002) al 2008 (01/03/2007-28/02/2008).

    Dunque per tutti questi anni non è mai stata convocata un’assemble ne mai è stato presentato un bilancio consuntivo e quello che è più importante approvato.

    Alcuni condomini si rifiutano di pagare i vari conguagli proprio perchè i bilanci non sono stati presentati e approvati regolarmente per così tanto tempo contestando anche la veridicità di alcune spese non deliberate.

    Quali le responsabilità dell’amministratore in questi casi?

    Grazie per la risposta e cordiali saluti.