Consumismo responsabile - Meno carne, ma di qualità

Nei paesi industrializzati il consumo annuale di carne è molto elevato ( circa 50 kg a persona). Per un mondo più sostenibile - e per la salute - sarebbe meglio mangiarne meno, ma di miglior qualità. Per il pesce, attenzione alle specie minacciate dall'eccessivo sfruttamento dei mari.

Quale pollo?

Una breve distanza tra il produttore ed il consumatore, con allevamenti che seguono norme severe: ecco alcuni argomenti che giocano a favore di un pollo allevato nella regione.

Quale sistema di pesca ?

I pesci piatti (sogliole, passere, limande, platesse, rombi, ecc.) sono presi con reti a strascico che raschiano il fondo provocando la distruzione di numerose altre specie. Per 1 kg di pescato, si distruggono circa 6 kg di altre specie.

Rispetto degli animali?

Alcuni marchi di qualità garantiscono specifiche norme di allevamento (ad esempio, la certezza d'accesso all'aria aperta degli animali durante la crescita).

Allevamento: che tipo di mangime?

Secondo il tipo o alimentazione, la carne di salmoni e di trote da allevamento può contenere residui di sostanze medicinali, con concentrazioni che talvolta superano i valori limite consentiti dalla legge.

Quali gamberetti?

La maggior parte dei gamberetti venduti proviene da allevamenti situati presso le rive dei mari, in zone particolarmente ricche in bio diversità. Queste installazioni provocano spesso distruzioni e inquinamenti, ma ciò non accade con i gamberetti da allevamenti bio o per quelli pescati nell'Atlantico del Nord.

Variare le fonti di proteine

Il consumo di proteine animati è necessario. Ma l'eccesso di carne può nuocere atta salute, dato it contenuto di grassi saturi che favoriscono l'insorgere di malattie cardiovascolari. Nei paesi industrializzati il consumo di carne e di pesce è ben maggiore rispetto alla quantità necessaria per coprire i nostri bisogni in proteine e in ferro. Alternando carni rosse e bianche, pesci,uova, formaggi e proteine vegetali (soia, ceci, lenticchie ecc.) è possibile variare il fabbisogno quotidiano di proteine senza it rischio di privare l'organismo di un costituente essenziali.

Mangiare meno carne

Per un adulto si raccomanda di consumare 100 gr di carne 3-4 volte la settimana (al massimo 100 gr tutt i giorni), basando La propria alimentazione sui cereali (grano, mais, riso, ecc. - meglio se integrati) e le leguminose (lenticchie, soia, ceci, fagioli ecc.), senza dimenticare frutta e verdura fresche, possibilmente coltivate secondo metodi rispettosi dell'ambiente.

Carne e ambiente

Il consumo eccessivo di carne ha pure delle ripercussioni sull'ambiente, a livello di riscaldamento climatico, un pasto ricco di carne e cucinato con ingredienti importati "emette" fino a 9 volte più CO2 di un pasto vegetariano cucinato con prodotti locali. E ci vogliono 5 volte più di acqua per produrre le proteine di manzo rispetto a quelle di soia.

Scarso rendimento

Si devono "investirè 10-15 calorie alimentari vegetali per ottenere 1 caloria di carne. Ciò significa che per ottenere 1 kg di carne devono essere consumati circa 10 kg di grano (senza calcolare la grande quantità di acqua).

I pesci diventano rari

Il consumo mondiale di pesce è quadruplicato dal 1950 e non smette di aumentare. Il rinnovamento naturale delle scorte non è più assicurato: il 90% della popolazione dei grossi pesci (tonno, merluzzo, pesce spada ecc.) è minacciata. I dietisti consigliano di mangiare regolarmente pesce ricco di certi acidi grassi (omega-3), benefici per cuore, arterie e cervello. È preferibile consumare le specie che non sono vittime della pesca indiscriminata (come il salmone di allevamento bio, lo sgombro e le aringhe) 1-2 volte la settimana, cucinandole al forno piuttosto che fritte.

15 agosto 2013 · Giovanni Napoletano

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Consumismo responsabile - Mettere nel menu l'ambiente e la salute
Le abitudini alimentari si sono assai evolute: i piatti già pronti (refrigerati, liofilizzati o surgelati) e gli alimenti da sgranocchiare si vendono sempre di più. Ma attenzione all'eccesso di imballaggi, al consumo di energia (surgelati) come pure agli ingredienti nascosti (sale,zucchero, grassi, additivi) che non sono sempre salutari. Se si ...
Consumismo responsabile - Bibite, guardare il contenuto, l'imballaggio e il modo di produzione
La scelta di una bevanda ha un impatto sulla salute; basti pensare ai problemi degli squilibri alimentari legati al consumo di bibite zuccherate. Ma ci possono essere anche delle conseguenze sull'ambiente e sulle condizioni di lavoro. Per calmare la sete è dunque meglio interessarsi dell'origine dei prodotti, della loro composizione ...
Consumismo responsabile - Ridurre la fattura elettrica, per sé e per il pianeta
Ognuno di noi può contribuire a ridurre il consumo elettrico e limitare il proprio impatto sull'ambiente, preferendo le lampadine a risparmio energetico (fluorescenti compatte), consultando l'etichetta Energia prima di ogni acquisto ed evitando gli sprechi. Tra l'altro è stata recentemente approvata una legge che vieterà la produzione ed il commercio ...
Consumismo responsabile - Proteggere la propria salute e quella del pianeta
I prodotti di igiene corporale ed i cosmetici devono rispettare una precisa legislazione. Ma è meglio sceglierli con attenzione, poiché alcuni tra loro non curano né la salute né l'ambiente (sostanze tossiche o allergeni, inquinamento dell'aria e delle acque, produzione eccessiva di rifiuti, minacce alla bio-diversità). ...
Consumismo responsabile - Scegliere con cura ed attenzione gli elettrodomestici e le apparecchiature elettroniche
Il consumo di elettricità - e di acqua - può variare considerevolmente da un apparecchio all'altro. È dunque meglio studiare attentamente i propri acquisti, guardando in particolare l'etichetta Energia. Per limitare le spese e risparmiare le risorse, si dovrà anche prestare attenzione a tutti i consumi "nascosti" (modalità "attesa" e ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su consumismo responsabile - meno carne, ma di qualità. Clicca qui.

Stai leggendo Consumismo responsabile - Meno carne, ma di qualità Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 15 agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - codice del consumo, vizi della cosa venduta garanzie e recesso - consumismo responsabile Inserito nella sezione tutela consumatori.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca