Carta revolving emessa da un esercizio commerciale per finanziare i clienti nell'acquisto di beni e servizi in vendita » Il contratto di prestito è nullo ed il debitore è tenuto a restituire le somme impiegate al solo tasso legale (anche a rate)

Come sappiamo, gli esercizi commerciali (on line o tradizionali) ricorrono spesso a carte prepagate (note anche come gift card o fidelity card) che permettono al cliente di poter fruire di un credito prepagato da utilizzare per l'acquisto dei prodotti in vendita.

Ciò è possibile perché la promozione e la conclusione di contratti di finanziamento, finalizzati all'acquisto di beni e servizi sulla base di apposite convenzioni stipulate con intermediari finanziari (credito finalizzato), deroga dalle disposizioni che prevedono che l'attività di promozione e conclusione di contratti di finanziamento sia riservata esclusivamente agli agenti in attività finanziaria disciplinati dal decreto legislativo 374/1999.

Tuttavia, l'attività di promozione e conclusione di contratti di credito revolving non può essere svolta da fornitori di beni e servizi: ciò in quanto la carta di credito revolving non è solo una carta di pagamento finalizzata, ma rappresenta una operazione di prestito assai complessa, onerosa e, soprattutto, a condizioni non sempre trasparenti, che non rientra nella deroga espressamente prevista per il credito finalizzato, quale contratto stipulato dal fornitore per finanziare l'acquisto da parte del cliente di propri beni o servizi.

Ad avviso dell'Arbitro Bancario Finanziario (decisione numero 118/2016) il mancato rispetto della normativa di settore determina la nullità del contratto di credito revolving concluso fra esercizio commerciale e cliente: di conseguenza il debitore è tenuto a restituire le somme ricevute in prestito ad un tasso di interesse legale (con possibilità di rateizzazione secondo la medesima periodicità prevista nel contratto di finanziamento).

In altre parole, se un esercizio commerciale emette una carta revolving, le somme ricevute in prestito dal debitore a titolo di finanziamento possono essere integralmente restituite, non al tasso d'interesse previsto in un contratto dichiarato nullo, bensì al tasso legale, quale corrispettivo minimo dovuto per legge per aver goduto delle somme ricevute a far data dal primo utilizzo della linea di credito.

Sempre a parere dell'Arbitro Bancario Finanziario, nel ricalcolo dei rapporti di dare/avere tra le parti, poi, è escluso che possa darsi luogo alla capitalizzazione degli interessi (stante il divieto di cui all'articolo 1283 codice civile). In ordine alle modalità di restituzione delle somme a carico del debitore poi, queste potranno essere rateizzate con la stessa periodicità prevista dal contratto, salvo diverse soluzioni concordate tra le parti.

30 agosto 2016 · Annapaola Ferri

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su carta revolving emessa da un esercizio commerciale per finanziare i clienti nell'acquisto di beni e servizi in vendita » il contratto di prestito è nullo ed il debitore è tenuto a restituire le somme impiegate al solo tasso legale (anche a rate).

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • fix 10 settembre 2016 at 13:58

    Ho un problema: sono possessore di 4 carte revolving, non riesco a pagare la rate da diversi mesi e mi tartassano di telefonate ogni giorno. Due giorni fa è arrivata raccomandata da Compass con scritto decadenza del beneficiario e vogliono subito 4500 euro che non ho. Che succede non pagando?

    Sono dipendente a tempo indeterminato e sono possessore solo di una macchina di 10 anni... Sulla busta ho una cessione del quinto e due deleghe non rinnovabili.

    • Annapaola Ferri 10 settembre 2016 at 14:24

      Anche se tutti i creditori si rivolgessero al giudice (e non è detto che accada) lei si vedrà pignorato il 20% dello stipendio (al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo degli importi ceduti e delegati).

      Questo è il massimo rischio che corre.