Inadempimento fornitore ed effetti su contratto di credito collegato

La concessione di un finanziamento per la fornitura di un bene o di un servizio individuati esplicitamente nel contratto di credito, attuata attraverso il pagamento diretto del fornitore da parte del creditore, dà vita ad un collegamento negoziale tra il contratto di credito e quello di fornitura, a nulla rilevando che l’acquirente sia persona diversa dal debitore.

Ne consegue che, in caso di risoluzione del contratto per inadempimento del fornitore, l’obbligo di restituzione al creditore della somma ricevuta grava sul venditore e non sul debitore.

Infatti, il contratto di credito finalizzato esclusivamente a finanziare la fornitura di un bene o la prestazione di un servizio specifici può essere definito come contratto di credito collegato a quello relativo alla fornitura, se il bene o il servizio specifici da acquistare siano esplicitamente individuati nel contratto di credito.

Gli effetti del collegamento negoziale fra contratto di credito e contratto di compravendita, nel caso di inadempimento da parte del fornitore dei beni o dei servizi, sono indipendenti da un eventuale patto di esclusiva fra creditore e fornitore e dalla circostanza che l’acquirente sia diverso dal debitore, e prevedono il diritto del creditore di esigere l’importo del finanziamento direttamente dal fornitore.

Affinché il debitore possa essere liberato dall’obbligo di restituzione al creditore della somma ricevuta per l’acquisto del bene o del servizio, è sufficiente la sussistenza, rispetto al contratto di fornitura, dell’inadempimento grave e che il debitore (o l’acquirente) formalizzi la messa in mora del fornitore.

Naturalmente, rientra nell’inadempimento grave la mancata consegna al debitore, da parte del fornitore, del bene o del servizio finanziato dal creditore.

Questo l’orientamento dei giudici della Corte di cassazione nella sentenza 20477/14.

21 Ottobre 2014 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Credito al consumo e inadempimento del venditore - Il consumatore ha diritto alla risoluzione del contratto di credito anche se non c'è rapporto di esclusiva fra creditore e fornitore del bene
La Corte di Giustizia, con la sentenza del 23 aprile 2009 (emessa nella causa C-509/07) ha stabilito che l'esistenza di una clausola di esclusiva tra fornitore del bene e finanziatore, non è presupposto necessario del diritto del consumatore di procedere contro il creditore in caso di inadempimento delle obbligazioni da parte del fornitore, al fine di ottenere la risoluzione del contratto di credito e la conseguente restituzione delle somme corrisposte al finanziatore. Peraltro, la giurisprudenza di legittimità, partendo dalla direttiva comunitaria e dalla interpretazione della stessa da parte della Corte di giustizia ha individuato, nella successiva evoluzione legislativa attualmente in ...

Esclusiva per la concessione di credito al consumo ai clienti e inadempimento del fornitore
Nei contratti di credito collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi il consumatore, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi, l'inadempimento del fornitore risulta non essere di scarsa importanza. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo del finanziatore di rimborsare al consumatore le rate già pagate, nonché ogni altro onere eventualmente applicato. La risoluzione del contratto di credito non comporta l'obbligo del consumatore di rimborsare al finanziatore l'importo che sia stato ...

Credito al consumo e inadempimento del fornitore - Come si risolve il contratto di credito
Nei contratti di credito a consumo collegati, in caso di inadempimento da parte del fornitore di beni o servizi, il cliente, dopo aver inutilmente effettuato la costituzione in mora del fornitore, ha diritto alla risoluzione del contratto di credito, se con riferimento al contratto di fornitura di beni o servizi l'inadempimento del fornitore è di grave entità. La risoluzione del contratto di credito comporta l'obbligo della finanziaria di rimborsare al cliente le rate già pagate, nonché ogni altro onere eventualmente applicato. Il cliente ha l'obbligo di segnalare alla finanziaria il grave inadempimento del fornitore di beni o servizi mediante invio ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su inadempimento fornitore ed effetti su contratto di credito collegato. Clicca qui.

Stai leggendo Inadempimento fornitore ed effetti su contratto di credito collegato Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 21 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 23 Luglio 2017 Classificato nella categoria guida ad un utilizzo consapevole del credito al consumo Inserito nella sezione contratti di prestito - microcredito usura e sovraindebitamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)