Nel giugno 2001, quando ha iniziato, ha lavorato per una ditta italiana

nel giugno 2001, quando ha iniziato, ha lavorato per una ditta italiana, per 4 mesi, poi non essendo pagato,con la scusa che anche la ditta non ha ricevuto i soldi,anche se a continuato la sua attivita(non per molto cmq),poi e arrivato l”invernoe non c”era piu lavoro;la commercialista gli aveva detto che se non puo pagare le tasse, lo stato gli lascia 5 anni di tregua.per due anni ha sempre lavorato per gente che lo pagava con un ritardo anche di sei mesi,cosi si e ritrovato a non pagare la maggior parte delle tasse,anche con la speranza che in 5 anni la situazione sarebbe cambiata.tutte le 4 cartelle si riferiscono alle tasse non pagate e le conseguenti sanzioni pecuniarie per il mancato o tardivo pagamento.adesso sarebbero 4 rate per 4 cartelle+2 rate per 2 autocarri+affitto+1 figlio in prima elementare+1 moglie che dall'anno scorso non lavora più perchè sono stata in romania a finire l”università e quindi sono rimasta senza lavoro.ve lo dico con il mano sul cuore:ultimamente non ho fatto che sentire di quanto sono stufi gli italiani di vedere romeni in giro;ma io me ne andrei domani se questo non mi seguira nel mio paese e mangerei pane secco, piuttosto che vedere un “altra cartella arrivarre a casa.per il 2005 abbiamo pagato il tutto,e non ci aspetta niente e qualcosa e rimasto per il2006 perche e allora che e iniziato l”incubo,ma poco.sono venuta con visto in italia e adesso anche se siamo in ue,abbiamo bisogno dell”visto per tornarci

Commento di crina | Domenica, 28 Settembre 2008

Il visto non è condizionato da un controllo all'agenzia delle entrate (ufficio tasse) italiana. Stai tranquilla.

Non ci sono accordi bilaterali fra Italia e Romania per perseguire un rumeno per debiti erariali contratti in Italia. Cioè in Romania non ti arriveranno cartelle e se casomai arrivassero potrai anche stracciarle.

Quindi se hai deciso di tornare procedi pure senza timori.

Ti auguro un ritorno sereno. E sono d'accordo con te che se bisogna mangiare pane duro meglio farlo a casa propria.

Ciao

Commento di karalis | Domenica, 28 Settembre 2008

28 settembre 2008 · Paolo Rastelli

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su nel giugno 2001, quando ha iniziato, ha lavorato per una ditta italiana.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • francesca 17 giugno 2009 at 11:06

    Buongiorno,
    vorrei farLe una domanda sulla determinazione del Reddito.

    Mi spiego.
    Mia madre ed io viviamo insieme.
    Ciascuna ha proprio reddito e
    ciascuna paga proprie tasse:
    il nostro reddito è la somma di entrambi?
    O, per ciascuna, vale il proprio?

    nn so se mi sono spiegata bene...
    Grazie!

    • weblog admin 17 giugno 2009 at 12:03

      Per il la dichiarazione dei redditi siete due contribuenti, ciascuno con proprio reddito.

      Se fate parte dello stesso nucleo familiare, il reddito equivalente ISEE - per l'accesso a prestazioni erogate da Stato o Regioni - è dato dalla somma dei due redditi.

      Da questo punto di vista forse sarebbe conveniente procedere a dichiarare all'anagrafe l'esistenza di due nuclei familiari distinti (ciascuno costituito da un'unica persona) anche se conviventi.