La multa – il verbale e la sua notifica

Quando si viola una delle disposizioni del codice della strada, il d.lgs.285/92, si e’ soggetti ad una sanzione amministrativa (pecuniaria e, quando previsto, accessoria) la cui applicazione e’ disciplinata, oltre che dallo stesso codice (art.194 e segg.), anche dalla legge 689/81 (art.1-43).

In questo articolo vogliamo approfondire le modalita’ di contestazione e notifica dei verbali, nonche’ le caratteristiche salienti degli stessi, corredando, laddove possibile, le varie disposizioni di legge con alcune importanti ed autorevoli sentenze.

ORGANI RILEVATORI

I principali organi che possono occuparsi della contestazione e della notifica delle sanzioni relative ad infrazioni stradali sono:

  • in via principale la polizia stradale;
  • la polizia di stato;
  • l’arma dei carabinieri;
  • la guardia di finanza;
  • la polizia provinciale nel suo ambito;
  • la polizia municipale (vigili urbani) nel suo ambito;
  • funzionari del Ministero dell’interno addetti al servizio di polizia stradale;
  • la polizia penitenziaria e il corpo forestale dello stato in relazione ai propri compiti;

Nota sugli ausiliari del traffico

In ambito urbano possono emettere le multe anche i cosiddetti “ausiliari del traffico”, per i quali valgono le competenze assegnate dal singolo Comune tramite ordinanze.

Tali competenze sono fissate in modo generico dalla legge 127/97 art.17 commi 132/133, le cui disposizioni sono state chiarite e puntualizzate da due recenti sentenze di Cassazione, la n.18186/2006 e la n.16777/2007.

In pratica i Comuni possono assegnare ai dipendenti propri o di aziende che gestiscono -in concessione- aree adibite alla sosta funzioni di accertamento dei divieti di sosta nelle aree stesse (comma 132 detto sopra) nonche’ assegnare ai dipendenti delle societa’ di trasporto pubblico funzioni di accertamento di divieto di sosta o circolazione nelle corsie riservate al servizio stesso (comma 133 detto sopra).

I casi sono diversi ed e’ fondamentale distinguere il classico ausiliare -dipendente del comune o della societa’ di parcheggio- dal dipendente/ispettore delle societa’ di trasporto. Cio’ può essere fatto sia riferendosi al comma dell’art.17 della legge 127/97 citato sul verbale, sia consultando la specifica ordinanza che li nomina e ne specifica le competenze.

E’ bene sapere, infine, che gli ausiliari possono anche eseguire contestazioni immediate e redigere verbali, e gli può essere conferita -dal Comune- competenza a disporre la rimozione dei veicoli (legge 488/99 art.68).

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo La multa – il verbale e la sua notifica Autore Giuseppe Pennuto Articolo pubblicato il 30 luglio 2013 Ultima modifica effettuata il 6 aprile 2014 Classificato nelle categorie notifica verbale Etichettato con tag , , , , , . Archiviato nella sezione origine dei debiti » multe ricorsi e sinistri » notifica del verbale di multa Numero di commenti e domande: 97 Clicca qui per inserire un commento o porre una domanda

Approfondimenti e integrazioni

Commenti e domande dei lettori

.