La cancellazione del protesto

La legge 235 del 2000 ha allungato la durata del periodo in cui è possibile ottenere la cancellazione del protesto dal relativo bollettino, passando dai precedenti 60 giorni agli attuali 12 mesi.

La procedura prevede la compilazione di un'apposita istanza rivolta al presidente della competente camera di commercio e la corresponsione dell'importo dovuto maggiorato degli interessi maturati, delle spese del protesto, quelle del precetto (l'intimazione a pagare a mezzo avvocato) e quelle per il procedure esecutive eventualmente intentate (per es. l'ufficiale giudiziario che ha provveduto al pignoramento e quelle successive).

Richiedi assistenza gratuita sugli argomenti trattati nell'articolo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la cancellazione del protesto.

Commenti e domande dei lettori

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima autenticarti cliccando qui. Potrai anche utilizzare le icone posizionate in basso nel pannello di registrazione, che ti consentiranno l'accesso diretto con un account Facebook, Google+ o Twitter.

  • lory 19 marzo 2010 at 18:20

    salve volevo chiederle essendo protestata, a vita non mi concederanno più un prestito?

    • cocco bill 19 marzo 2010 at 18:37

      Lory, le suggerisco di inserire il suo quesito nel forum.

    1 5 6 7