Pignoramento nuda proprietà e usufrutto – quando il debitore è nudo proprietario e quando il debitore è usufruttuario

Nel caso di pignoramento del diritto di proprieta' ove risulti che il debitore e' nudo proprietario si procede ugualmente alla vendita forzata del diritto di proprieta', il quale risultera' gravato del diritto reale di godimento. Oggetto della vendita forzata e', cioe', il medesimo diritto pignorato, con la particolarita' che il diritto non sara' esercitatile in tutto il suo normale contenuto per la presenza del diritto di usufrutto fatto valere dal terzo sul bene (a meno che non si tratti di diritto di usufrutto costituito su cosa ipotecata, nel qual caso il diritto si estingue con l’espropriazione del bene ai sensi dell’articolo 2812 del codice civile, con facolta' del titolare di far valere le proprie ragioni sul ricavato con preferenza rispetto alle ipoteche iscritte posteriormente alla trascrizione del diritto).

Nel caso invece risulti che il debitore e' titolare del diritto di usufrutto, non si puo' procedere alla vendita forzata perché il diritto pignorato non corrisponde a quello oggetto di vendita. Non e' possibile cioe' che l’esecuzione forzata prosegua nei limiti dell’usufrutto attesa la diversita' dal diritto oggetto di pignoramento.

Non e' compresa, si noti, nell’usufrutto la facolta' di disporre, che e' invece il contenuto della nuda proprieta', circostanza quest’ultima a conferma dell’identita' sul piano formale di diritto di proprieta' e nuda proprieta', salva l’incidenza sul piano del libero godimento dell’usufrutto.

Una decisiva conferma dei rilievi che precedono e' nella disciplina della vendita consensuale del diritto di proprieta'. Ove il venditore sia nudo proprietario si verifica comunque il trasferimento della proprieta', ma la fattispecie resta disciplinata dall’articolo 1489 del codice civile data la presenza del diritto di usufrutto vantato dal terzo. Se invece il venditore sia semplice usufruttuario non si realizza il trasferimento della proprieta' in quanto il contratto, integrante una vendita di cosa altrui (articolo 1478-1481 del codice civile), ha efficacia puramente obbligatoria.

Insomma, L’usufrutto oggetto di esecuzione forzata non e' divisibile dalla nuda proprieta'. Alla fattispecie non sono applicabili neppure per analogia le norme sulla divisione.


Offri il tuo contributo virtuale alla visibilità di indebitati.it

Stai leggendo Debiti - pignoramento usufrutto e nuda proprietà Autore Loredana Pavolini Articolo pubblicato il 27 agosto 2012 Ultima modifica effettuata il 12 settembre 2014 Classificato nelle categorie pignoramento ed espropriazione di beni su cui gravano diritti immobiliari, pignoramento esattoriale espropriazione vendita casa all'asta, pignoramento ordinario espropriazione vendita casa all'asta Etichettato con tag , , , , Archiviato nella sezione conseguenze dei debiti » pignoramento » pignoramento dei diritti immobiliari Letture 2.055 Numero di commenti e domande: 0

Se hai un account Google+ o Facebook e navighi con un browser aggiornato, puoi contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

Se vuoi restare informato sui contenuti del sito, iscriviti alla newsletter o al feed di indebitati.it

Per inserire un commento o una domanda devi prima autenticarti cliccando qui

Commenti e domande dei lettori

  • Devi essere registrato e connesso per poter inserire un commento o un quesito. Se non sei un utente registrato, puoi commentare gli articoli o inserire un quesito nel forum, anche con un account Facebook o Google+.

Per una migliore esperienza di navigazione ed una piu` efficace visualizzazione dei contenuti suggeriamo di ruotare il dispositivo e di orientarlo in posizione orizzontale