Mezzo senza rc auto guidato da terzi - Titolare deve provare estraneità

Automezzo sprovvisto di assicurazione rc auto: se la circolazione è avvenuta, per mano di un terzo, contro la volontà dell’effettivo proprietario, ciò va di mostrato per evitare che quest’ultimo subisca sanzioni.

Il titolare del mezzo non assicurato si presume sempre responsabile del suo utilizzo, fino a prova contraria.

Egli non può limitarsi a dimostrare che la circolazione del mezzo sia avvenuta senza il suo consenso, ma deve arrivare a provare che la messa su strada sia avvenuta in modo occulto, vincendo delle resistenze e, quindi, forzando la propria categorica volontà.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con una recente ordinanza.

Da quanto si evince dalla decisione della Suprema Corte, per evitare la contravvenzione il proprietario deve provare che il veicolo, sprovvisto di assicurazione Rc auto, circoli contro la sua volontà.

In parole povere, se il mezzo non può circolare, poiché privo di assicurazione rc auto, il legittimo proprietario deve impedire che altre persone lo utilizzino, altrimenti risponde, egli stesso, delle conseguenti sanzioni per violazione del codice della strada.

A parere degli Ermellini, infatti, per il proprietario, l’unica difesa possibile per evitare la multa è dimostrare che il veicolo sia stato adoperato contro la sua volontà.

Praticamente, il titolare del veicolo, deve documentare che la sua volontà contraria si sia espressa in un vero e proprio comportamento ostativo, come, ad esempio, aver messo al sicuro il proprio mezzo in un garage.

Questo, poiché normativa vigente legge impone al proprietario legittimo un costante obbligo di custodia e vigilanza in qualsiasi ora del giorno o della notte.

Al contrario, in tale fattispecie, oltre alla multa, potrebbe sussistere anche il sequestro del veicolo.

22 Ottobre 2014 · Eleonora Figliolia

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il proprietario del veicolo è coobbligato per le le violazioni al Cds e per i danni causati da terzi alla guida - A meno che ...
Le norme del Codice della strada estendono al proprietario del veicolo l'obbligo di pagamento delle sanzioni pecuniarie e del risarcimento danni per gli illeciti commessi da altri soggetti tramite quel veicolo. Si tratta di un'obbligazione a titolo solidale del proprietario del veicolo con l'effettivo autore della violazione. Lo stesso Codice della strada consente al proprietario del veicolo di esonerarsi da questa presunzione di responsabilità, qualora riesca a fornire la prova che la circolazione del mezzo è avvenuta contro la propria volontà. Tuttavia, il proprietario del veicolo, il quale intenda sottrarsi alla accennata presunzione di responsabilità non può limitarsi a provare ...

Assicurazione RC auto » Il diritto di rivalsa non può essere esercitato nei confronti del contraente che non risulta proprietario del veicolo e non lo conduceva al momento del sinistro
Come è noto, il contratto di assicurazione per la responsabilità civile auto sposta il rischio del sinistro dall'assicurato all'assicuratore: tuttavia, ciò non significa che il responsabile del sinistro e/o il proprietario del veicolo siano esonerati dall'obbligo di risponderne. L'articolo 144 del Codice delle assicurazioni private, infatti, stabilisce che per l'intero massimale di polizza l'impresa di assicurazione non può opporre al danneggiato eccezioni derivanti dal contratto, né clausole che prevedano l'eventuale contributo dell'assicurato al risarcimento del danno. Tuttavia la compagnia assicuratrice ha diritto di rivalsa (o di regresso) verso l'assicurato nella misura in cui avrebbe avuto contrattualmente diritto di rifiutare o ...

Polizza rc auto intestata a persona diversa dal proprietario del veicolo: è possibile? » Tutti i chiarimenti del caso
E' possibile intestare la polizza rc auto a una persona diversa dal proprietario del veicolo? Ciò può portare benefici, in termini economici, sul pagamento del premio assicurativo? Facciamo luce sulla questione con questo intervento. Una delle domande più frequenti quando si parla di polizza rc auto è quella che riguarda l'intestatario della polizza di assicurazione. Ovvero, spesso ci si chiede se il contraente di una polizza rc auto può essere una persona diversa dall'intestatario al PRA. Bene, la risposta è si. E' possibile, infatti, stipulare una polizza rc auto a proprio nome (cioè essere contraente) anche se non si è ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mezzo senza rc auto guidato da terzi - titolare deve provare estraneità. Clicca qui.

Stai leggendo Mezzo senza rc auto guidato da terzi - Titolare deve provare estraneità Autore Eleonora Figliolia Articolo pubblicato il giorno 22 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 8 Dicembre 2018 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)