Genny Manfredi

Se il beneficio fruito, sarebbe stato ugualmente conseguito con i dati corretti inseriti nella DSU/ISEE, siamo di fronte ad una Dichiarazione Sostituiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) sicuramente mendace, ma fornita in buona fede e quindi non perseguibile dal punto di vista penale.

Pertanto, l’eventuale accertamento, chiuso prima della scadenza dei termini di prescrizione quinquennale, in merito alle non corrette informazioni fornite con le DSU, non comporterebbe alcuna conseguenza, sia in termini di restituzione del risparmio conseguito con l’agevolazione fiscale sia in termini di eventuale denuncia penale presentata dall’accertatore all’Autorit√† Giudiziaria.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.