Patrizio Oliva

Si tratta di due crediti diversi: quello della parte vincitrice nei riguardi della parte soccombente è un credito ordinario, quello vantato dal Ministero della Giustizia per le spese legali non saldate è un credito esattoriale.

Poiché si tratta di crediti di natura diversa, possono coesistere sul medesimo stipendio, e considerato che Agenzia delle Entrate Riscossione (AdER) esige una trattenuta del 10% (minore della quota di 1/5 fissata per legge) per stipendi netti fino a 2.500 euro, la retribuzione complessiva del debitore verrà complessivamente gravata del 30%.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.