Andrea Ricciardi

Ad un mese dall’entrata in vigore del nuovo Registro delle opposizioni, secondo il Mise, sono 1,9 milioni le persone che si sono iscritte: a questi va aggiunto il mezzo milione delle vecchie numerazioni già presenti al momento dell’attivazione del nuovo servizio.

E’ un buon risultato in termini numerici che dimostra, qualora fosse necessario, che gli italiani non ne possono più di essere disturbati a tutte le ore del giorno e della notte dai call center.

Alcuni consumatori continuano a segnalarci di ricevere chiamate dai call center nonostante abbiano iscritto il proprio numero di telefono al Registro.

Ecco 5 motivi per cui può accadere:

  • non sono trascorsi 15 giorni dall’iscrizione: è questo infatti il tempo concesso ai call center per consultare e aggiornare i propri elenchi.
  • Sei cliente dell’azienda che ti chiama ed è quindi suo diritto farlo per comunicarti un cambio contrattuale o proporti una nuova offerta. D’altra parte conviene anche a te ascoltare.
  • Non sei più cliente dell’azienda che ti chiama da meno di 30 giorni. Quando annulli un contratto o campi operatore, l’azienda può chiamarti per una controproposta entro appunto 30 giorni.
  • Dopo l’iscrizione al RPO hai dato il consenso su altri siti o sui comparatori di offerte, il che annulla l’iscrizione al Registro.
  • Ti chiamano call center abusivi. Il Registro delle Opposizioni ha valore soltanto per gli operatori che lavorano nella legalità tutti gli altri non sono tenuti a rispettare la privacy delle persone e in quel caso vanno denunciati.

Cosa fare se ti chiama un call center irrispettoso delle regole?

Nel caso in cui nonostante l’iscrizione al Registro delle Opposizioni, hai ricevuto la chiamata di un call center è sempre bene chiedere dove è stato reperito il nostro numero (cioè il soggetto a cui abbiamo ceduto i dati per usi pubblicitari).

L’operatore del call center deve rispondere adeguatamente e se gli viene chiesto di cancellarci, lo deve fare. 

Nel momento in cui ti rendi conto di avere a che fare con un trasgressore, puoi presentare reclamo al Garante della Privacy utilizzando questo modulo indicando:

  • Giorno della chiamata
  • Ora della chiamata
  • Numero del chiamante se non anonimo
  • Società che ha effettuato la chiamata
  • Prodotto offerto con la telefonata.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.