Piero Ciottoli

Il contratto di locazione sottoscritto dalle parti può prevedere l’aggiornamento annuale del canone di locazione al costo della vita, secondo l’indice ISTAT pubblicato periodicamente: ora – non deve essere certamente il locatore a comunicare annualmente l’adeguamento, anche perché gli indici ISTAT sono dati pubblicamente disponibili – ma il locatore, qualora non avesse, nel tempo, esercitato il proprio diritto di pretesa, può richiedere l’adeguamento, se previsto contrattualmente, ricalcolato relativamente agli ultimi 5 anni, limitatamente, cioè, al periodo prescrizionale previsto dall’articolo 2948 del codice civile.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.