Piero Ciottoli

Converrebbe senz’altro farsi assistere da esperti nel settore: la casa potrebbe essere gravata da ipoteca oppure il proprietario potrebbe avere debiti con altri creditori, non garantiti da ipoteca, i quali, dopo la vendita, potrebbero impugnare il trasferimento di proprietà con azione revocatoria.

Se partiamo dal fatto che nella realtà non esistono affari e che se esistono, essi comportano una dose di rischio tanto maggiore quando più vantaggioso si presenta l’affare, il consiglio è quello di lasciar perdere, indirizzarsi verso un immobile libero da ipoteca, non proveniente da donazione e stipulare un preliminare di compravendita presso un notaio.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.