Giorgio Martini

Le forniture di energia elettrica e del gas naturale sono soggette a due tipi di tassazione: l’Accisa, ovvero l’imposta erariale sul consumo, l’Addizionale regionale sul consumo (per la fornitura di gas), l’IVA, imposta sul valore aggiunto. Le imposte sono rapportate al consumo ma hanno un importo minimo per consumo zero (importo floor)

Può darsi che nel suo caso incida anche l’uso domestico non residente per l’energia elettrica.

Inoltre, esistono dei costi fissi che non sono rapportati ai consumi, ovvero la spesa per la materia energia e la spesa per il trasporto e la gestione del contatore.

Sia le imposte (rapportate al consumo), ma con l’eventuale importo floor, che gli oneri fissi di sistema (spese per la materia energia e per il trasporto e la gestione del contatore) non variano, naturalmente da operatore ad operatore.

Quindi, bisogna farsene una ragione.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.