Simonetta Folliero

Premesso che il traente che rilascia un assegno in bianco lo fa a proprio rischio e pericolo, la presunta appropriazione indebita (alterazione dell’importo spettante al beneficiario a cui fu stato demandato il compito fiduciario di compilare il modulo) avrebbe dovuto essere denunciata ai tempi del protesto.

Pertanto, l’eccezione del debitore mi sembra fondata sul nulla assoluto. Inoltre, se l’importo √® compatibile con quello di fatture commerciali emesse a carico del traente, il debitore inadempiente e (a questo punto) anche mascalzone, rischierebbe di beccarsi una contro querela con i fiocchi.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.