Paolo Rastelli

Il “Decreto Sostegni” (DL 41/2021), recante misure urgenti in materia di sostegno alle imprese e agli operatori economici, di lavoro, salute e servizi territoriali, connesse all’emergenza da COVID-19, , ha disposto significativi interventi in materia di riscossione. In particolare sono stati annullati i debiti, risultanti dai singoli carichi affidati all’Agente della riscossione dal 1° gennaio 2000 al 31 dicembre 2010, che, alla data di entrata in vigore del “Decreto Sostegni”, hanno importo residuo fino a 5 mila euro (comprensivi di capitale, interessi per ritardata iscrizione a ruolo e sanzioni).

Tuttavia, il debitore per poter fruire del beneficio deve aver percepito, nel periodo d’imposta 2019, un reddito imponibile fino a 30 mila euro.

Inoltre, restano definitivamente acquisite le somme versate anteriormente alla data dell’annullamento, anche attraverso piani di rateazione con agevolazioni a saldo stralcio. Insomma, con l’adesione al saldo stralcio è come se lei avesse già concordato il pagamento anche di quella cartella esattoriale di importo inferiore ai cinquemila euro alla data in cui ha aderito


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.