Rosaria Proietti

Per adempiere alla richiesta, l’addetto alle gestione delle comunicazioni PEC in entrata per la società di recupero crediti dovrebbe risalire dall’indirizzo PEC ai dati del mittente, cosa non sempre agevole, specie se il mittente non è un professionista o una società.

Sicuramente, a non essere fiscali, se il contatto è avvenuto dopo una pretesa creditizia, si potrebbe facilmente dedurre che la richiesta proviene dal destinatario della pretesa, ma questa circostanza potrebbe non essere nota al soggetto preposto all’invio di dati, comunque riservati.

Per le risposte, l’addetto potrebbe non essere abilitato, o non avere accesso, alla casella di posta certificata della società di recupero crediti.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.