Ludmilla Karadzic

Secondo noi conviene contattare la cessionaria Banca IFIS e chiedere (con raccomandata AR, in modo che resti traccia dell’istanza) tutte le informazioni (copia contratto firmata, comunicazione di cessione da creditore originario a Banca IFIS, estratto conto cronologico che dia conto dei tassi di interesse e delle spese applicate alla originaria obbligazione) relative al credito la cui richiesta è ritenuta illegittima.

Qualora Banca IFIS non le rispondesse o qualora la risposta fosse da lei ritenuta insufficiente e non soddisfacente, potrà contestare la pretesa in sede di opposizione al decreto ingiuntivo che le venisse, eventualmente, notificato.


Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.