Terza richiesta di pagamento per una somma che non mi compete – Cosa fare?

Nel 2015 ho ricevuto da Clavis una richiesta di pagamento tramite RR,per conto di Rubidio, nel 2017 un altra richiesta dove Rubidio cedeva il credito a Banca Ifis e con la quale venivo invitato al pagamento, l’altro ieri altra RR da Banca Ifis dove mi invitano nuovamente al pagamento entro 20 gg. altrimenti saranno costretti a intraprendere le iniziative necessarie.
La premessa recita: Inviamo la presente in nome e per conto di Ifis etc ,in forza di procura notarile rilasciata in data ……. con atto per notaio invitandola a provvedere al pagamento…

Volevo chiedere un vostro parere in merito, e nel caso io non risponda e dovessero mandarmi un decreto ingiuntivo, posso poi impugnarlo e chiedere estratto conto e tutto l’incartamento relativo a quanto mi chiedono visto che cmq mi chiedono 2 somme delle quali una è sicura che non mi compete?

Secondo noi conviene contattare la cessionaria Banca IFIS e chiedere (con raccomandata AR, in modo che resti traccia dell’istanza) tutte le informazioni (copia contratto firmata, comunicazione di cessione da creditore originario a Banca IFIS, estratto conto cronologico che dia conto dei tassi di interesse e delle spese applicate alla originaria obbligazione) relative al credito la cui richiesta è ritenuta illegittima.

Qualora Banca IFIS non le rispondesse o qualora la risposta fosse da lei ritenuta insufficiente e non soddisfacente, potrà contestare la pretesa in sede di opposizione al decreto ingiuntivo che le venisse, eventualmente, notificato.

5 Maggio 2021 · Ludmilla Karadzic



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti