Giorgio Valli

E’ normale che ciò accade se lei non ha comunicato agli uffici preposti alla gestione della Tassa Ambientale RIfiuti (TARI) del Comune in cui risedeva in passato la comunicazione di fine occupazione.

Mentre agli uffici preposti alla gestione della TARI del Comune in cui è andato a risedere va inoltrata la comunicazione di inizio occupazione.

Non può richiedere alcun annullamento delle legittime pretese comunali, tantomeno basando l’istanza su una presunta intervenuta prescrizione.

Qualora, invece, avesse presentato istanza di inizio occupazione al nuovo Comune di residenza, a far data dall’intervenuto trasferimento, potrebbe provare a esibire questo documento all’ufficio comunale che si occupa di riscossione della TARI per il vecchio comune di residenza, al fine di chiedere l’annullamento degli avvisi di pagamento, in virtù della circostanza che un cittadino contribuente non può essere obbligato ad una doppia imposizione della tassa di smaltimento dei rifiuti solidi urbani, anche se ciò avviene a seguito di inadempimenti formali del contribuente stesso.

Per visualizzare l'intera discussione, completa di domanda e risposta, clicca qui.